“Albana Dèi” 2016: 5 le giurie popolari chiamate a votare

“Albana Dèi” 2016: 5 le giurie popolari chiamate a votare


A Dozza, Bertinoro, Brisighella, Oriolo e Faenza saranno presenti i banchi d’assaggio con i vini finalisti, selezionati dalla giuria tecnica formata dagli esperti del settor.e Dopo il crescente successo raccolto da parte dei produttori e del pubblico nel corso delle precedenti edizioni, ritorna anche in questo 2016 il concorso enologico “Albana Dèi”, dedicato ai vini di tipologia “secco” ottenuti da uve Albana della prestigiosa DOCG Romagna. Il concorso, nato quattro anni fa da un’idea dei curatori Carlo Catani e Andrea Spada e organizzato da Enoteca Regionale Emilia Romagna col patrocinio del Consorzio Vini di Romagna, si svolge in due momenti.

Il primo, tenutosi nei giorni scorsi, era riservato alla giuria tecnica - composta dai critici delle principali guide del settore, tecnici ed esperti enogastronomici, sommelier professionisti, commerciali vino - che ha degustato alla cieca tutti i vini in concorso e che ha selezionato i finalisti, che dovranno affrontare il giudizio popolare nel corso di ben 5 eventi che nel mese di maggio si svolgeranno in alcuni dei borghi e dei luoghi più suggestivi della Romagna. Si parte da Dozza (BO) il 7-8 maggio nell’ambito de “Il vino è in festa”, poi a Bertinoro (FC) e Brisighella (RA) in contemporanea il 15 maggio, poi Oriolo dei Fichi (sulle prime colline di Faenza - RA) il 22 maggio, e infine il 28 maggio a Faenza (RA) nella centrale Piazza della Molinella. In tutte le location ci saranno banchi d’assaggio per dare modo al pubblico di degustare e apprezzare i vini finalisti ed esprimere il proprio giudizio come “giuria popolare”. La proclamazione dei vini vincitori avverrà nel mese di giugno (data ancora da definire).  

«Con questa nuova edizione dell’”Albana Dèi” prosegue la messa al centro dell’attenzione pubblica di questo grande vitigno attraverso un contenitore semplice e d’appeal, che mira a fare del mese di maggio la ricorrenza annuale delle nuove annate dei vini DOCG Romagna Albana - sottolineano gli organizzatori della manifestazione - Crediamo che questa via costituisca un concept fresco e popolare per sostenerne l’affezione, la crescita di affermazione e insieme la convinzione commerciale. Un modo per rilanciare il valore della DOP Romagna Albana quale veicolo per fissare l’unicità e straordinarietà di questo vitigno dal grande potenziale, nella ricchezza di interpretazioni dei produttori del territorio. Anche quest’anno il concorso si arricchisce di due nuove location, Faenza e Oriolo, e replica la sua presenza all’interno della Festa del vino di Dozza, poi a Bertinoro e Brisighella, per allargare la schiera dei fans e contribuire con una più significativa incidenza degli amanti del vino alla designazione degli Albana top del territorio».