I mestieri dell'olio disegnati dai bambini

I mestieri dell'olio disegnati dai bambini


Il Premio Nazionale Bimboil 2015-2016, il programma di educazione alimentare promosso dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio e rivolto alle scuole primarie, che quest'anno ha coinvolto 74 scuole distribuite in 60 comuni, per un totale di 379 classi partecipanti, 6596 bambini, ha i suoi vincitori.

E’ nuovamente la Puglia a conquistare il gradino più alto del podio grazie alla classe 5 C dell’Istituto Comprensivo Perotti-Ruffo di Cassano delle Murge (BA) che si aggiudica la medaglia d'oro per l’originalità e l’innovazione della tecnica utilizzata, per la completezza e aderenza al tema dell’elaborato. Il secondo posto va alla Sicilia e precisamente alla classe 1° dell’Istituto Comprensivo S.A.Guastella-Plesso Roccazzo di Chiaramonte Gulfi (RG), una medaglia d’argento guadagnata grazie al grande impegno profuso dai bambini che nonostante fossero così piccoli hanno realizzato un elaborato completo e approfondito che si è distinto per l’ottimo equilibrio tra tratto grafico e colori. Terzo classificata la Toscana con la classe 5°A dell’Istituto Comprensivo Leonardo da Vinci - plesso scuola primaria - di Abbadia San Salvatore - Castiglion d’Orcia (SI) con un lavoro che la giuria ha giudicato corale e armonico curato nella realizzazione e nella capacità di utilizzo della tecnica, con approfondimento degli argomenti che richiamano la storia e la mitologia. Sono state assegnate anche due menzioni di merito alla classe 4°A dell’Istituto Comprensivo Padre Pio da Pietralcina di Pisticci (MT) e alla classe 5 dell’Istituto Comprensivo Falerone scuola primaria di Piane di Falerone (FM) per la tecnica utilizzata nei due elaborati, la completezza dei lavori che denota impegno e partecipazione collettiva dei bambini.

"Scegliendo i mestieri dell’olio come tema di questa 14esima edizione di BIMBOIL abbiamo voluto promuovere la cultura dell’olio a scuola mettendo al centro l’uomo e il suo profondo legame con la terra - ha commentato il Presidente dell'Associazione Nazionale Città dell'Olio Enrico Lupi - Questo perché siamo convinti che l’eccellenza dell’extravergine delle Città dell’Olio passa soprattutto dalle mani dei nostri olivicoltori e dalla loro passione e dedizione che è quanto mai necessaria poter trasmettere ai nostri bambini, futuri custodi dei nostri territori”.  

E i bambini li hanno ritratti così: sorridenti, forse un po’ affaticati, soprattutto operosi. Insieme a frantoiani e degustatori, raccontati nella loro quotidianità attraverso la realizzazione di FRANCOBOIL, una serie di valori bollati (in forma di bozzetti per francobolli,) celebrativi della cultura e dei mestieri coniugati tra passato e presente e in dialogo con il territorio. La scelta dei materiali e delle tecniche è stata libera.