Consumatori italiani di vino, i saltuari sorpassano i quotidiani

Consumatori italiani di vino, i saltuari sorpassano i quotidiani


Calano ancora in consumi di vino in Italia. Lo testimonia la notizia che appare oggi sul newsletter del Corriere Vinicolo. Per la prima volta in assoluto, i non regolari sono al 51%. Totale consumatori a 28 milioni di persone (-160 mila sul 2012), il 52% della popolazione. L'Istat registra il sorpasso, per la prima volta, dei consumatori saltuari rispetto a quelli quotidiani. Questa l'evidenza più importante che energe dall'analisi del rapporto stilato dall'Istat sui consumi di alcolici nel nostro Paese, che fotografa le abitudini degli italiani nel 2013.

APPROFONDIMENTO

"L'analisi dell'Istat - afferma Paolo Benvenuti, direttore dell'Associazione Nazionale Città del Vino - conferma la necessità di programmare anche nuove forme di comunicazione intorno al vino per migliorare i consumi interni, soprattutto in termini di educazione alimentare e di consumo consapevole, rivolte alle giovani generazioni. L'export resta l'ancora di salvezza per i produttori vitivinicoli italiani, ma forse varrebbe la pena studiare forne innovative di promozione anche per sostenere il rilancio del mercato nazionale. Il vino fa parte della nostra tradizione alimentare, della dieta mediterranea. Sicuramente vanno considerate tutte quelle iniziative che sottolineano il valore culturale del prodotto e il suo rapporto strettissimo con il territorio. Vino e turismo, infatti, resta la chiave su cui continuare a lavorare".