Sangiovese, festa della Riserva Storica a Bertinoro

Sangiovese, festa della Riserva Storica a Bertinoro


Grande musica e cibo accompagneranno la degustazione dei grandi vini di Romagna e la cerimonia di deposito delle nuove bottiglie nella Riserva Storica, una vera e propria banca del vino di Romagna che ha sede a Bertinoro.

Pochi sanno che a Bertinoro esiste un luogo speciale, che viene aperto solo una volta l'anno, e si propone di diventare la banca del vino di Romagna. La Riserva Storica dei Sangiovesi di Romagna, infatti, dal 2010 custodisce centinaia di vini di pregio che anno dopo anno vengono immagazzinati per creare la carta d'identità del nettare di Bacco prodotto in Romagna.

Anche quest'anno l'immissione dei nuovi vini viene celebrata con una festa dedicata, che prevede musica, assaggi e un corteo con carro storico colmo di casse di vino, che al termine vengono passate di mano in mano, con l'aiuto del pubblico, dalla piazza fino al caveau della Riserva Storica.

Per la Festa della Riserva Storica del Sangiovese, sabato 9 luglio dalle 19  alle 24 in Piazza della Libertà a Bertinoro, i sommelier AIS gestiranno un vasto banco d'assaggio dei vini della Romagna, tra quello selezionati per far parte della Riserva Storica nel 2016. Un interessante percorso tra territori, che scende per la Via Emilia e si incanala tra valli e colli vocati alla viticoltura farà scoprire al pubblico le particolarità di Sangiovese e Albana che nascono dai diversi terreni. La gastronomia a cura del Comitato Manifestazioni e Gemellaggi accompagnerà le degustazioni in piazza.

Dalle 21.30 la festa prosegue con il concerto di Michela Grena, all'interno della famosa rassegna Donne Jazz in Blues.

Al termine del concerto, il carro storico con le bottiglie di vino degli oltre 40 produttori selezionati per far parte di questa edizione giungerà dalla Statua del Vignaiolo fino in Piazza della Libertà, dove con l'aiuto del pubblico si scaricheranno le cassette di vino. Il passamano è un rito consolidato che rappresenta l'unità e la collaborazione di tutta la Romagna del vino, dalle istituzioni ai vignaioli, fino al pubblico degli enoappassionati. Chiuderà la Riserva Storica il Presidente del Consorzio Vini di Bertinoro, Emanuele Raspadori, insieme al Sindaco di Bertinoro, che insieme si fanno garanti della conservazione di questi preziosi nettari.

In questa quinta annualità i vini selezionati dal curatore della Riserva Storica Giorgio Melandri, degustatore e giornalista, sono 45: 1 dell'imolese, 12 del faentino e ravennate, 27 della provincia forlivese, 4 dei colli di Rimini e 1 del Montefeltro marchigiano, uno sconfinamento che deriva dall'antica appartenenza di questo territorio all'area romagnola.

Mirko Capuano, assessore al Turismo del Comune di Bertinoro, afferma: "Sotto l'egida del   Comune di Bertinoro, Consorzio Vini di Bertinoro e Consorzio Vini di Romagna, con la collaborazione dei produttori, sta prendendo forma un sogno: preservare le origini e le evoluzioni del Sangiovese di Romagna. Qui conserviamo anche il primo Sangiovese Riserva mai prodotto nella nostra regione, che è proprio frutto del suolo e della lungimiranza di una cantina di Bertinoro: si tratta del Vigna delle Lepri 1975 prodotto da Fattoria Paradiso. Dalle nostre origini e dal percorso che si è sviluppato vendemmia dopo vendemmia, la Riserva Storica diventa punto di riferimento per la scoperta del Sangiovese di Romagna e della sua essenza".

Durante la festa del 9 luglio sarà presente un servizio navetta gratuito dalle 19 alle 24 per raggiungere agevolmente il centro di Bertinoro dai parcheggi Badia e Allende. Maggiori informazioni su www.visitbertinoro.it