Con sistema paese Italia del vino in Cina cresce più degli altri

Con sistema paese Italia del vino in Cina cresce più degli altri


«La Cina è sempre più centrale nelle politiche di promozione del Governo italiano, e sul vino i primi effetti positivi cominciano a manifestarsi. Il +28,1% di export di vino made in Italy fatto segnare nei primi 7 mesi di quest’anno ci proiettano a fine anno verso un valore delle vendite di quasi 120mln di euro, ben oltre la soglia i 100mln di euro, mai raggiunta prima. Sembra che, non solo grazie all’iniziativa di Alibaba, si sia imboccata la strada giusta, in cui tutti gli attori - quelli del sistema fieristico in primis - possono contare sul fondamentale supporto del sistema Paese». Lo ha detto, oggi a Shanghai per il Tmall 9.9 Global Wine&Spirits Festival di Alibaba - al quale prendono parte 50 cantine italiane - il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani. «Vinitaly - ha proseguito Mantovani - farà la sua parte, sia sul fronte dell’incoming che sul presidio sempre più capillare del territorio cinese, che è fondamentale per recuperare il gap di mercato accumulato negli anni». 

La crescita italiana in Cina a luglio 2016 sullo stesso periodo dell’anno scorso (+28,1%, fonte, dogane cinesi) è in termini percentuali per la prima volta la più alta rispetto a tutti gli esportatori mondiali di vino nei primi 7 mesi di quest’anno: oltre 6 punti meglio della media generale delle importazioni (+21,8%) e di circa 2 in più sui principali competitor (Francia e Austalia). La quota di mercato italiana (5,58%) rimane comunque troppo bassa per un top exporter quale l’Italia, ancora al quinto posto tra i Paesi importatori di vino, nonostante l’ottima performance del periodo. 

 

Nella foto:da sinistra Maurizio Danese, presidente di Veronafiere; Jack Ma, Ceo di Alibaba Group; Stevie Kim, managing director di Vinitaly International; Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere