Consiglio Nazionale, le Città del Vino riunite a Firenze

Consiglio Nazionale, le Città del Vino riunite a Firenze


Firenze tornerà a far parte della rete delle Città del Vino? È quanto auspica il presidente dell'Associazione Floriano Zambon che ieri 15 febbraio si è incontrato con l'assessore alle attività produttive del Comune di Firenze, Giovanni Bettarini. L'incontro è avvenuto in occasione della riunione del Consiglio Nazionale delle Città del Vino che si è tenuta a Palazzo Vecchio, nella Sala degli Otto, attigua alla sala che ospita il consiglio comunale fiorentino.

Bettarini (la cui delega sta per passare nelle mani della nuova assessora Cecilia Del Re, in virtù di un rimpasto della Giunta Comunale guidata dal Sindaco Nardella) ha comunque sottolineato la disponibilità del Comune a tornare a far parte della rete delle Città del Vino, essendo – tra l'altro – comune socio fondatore, e dopo un periodo in cui l'Amministrazione aveva deciso di uscirne. "Siamo consapevoli – ha detto Bettarini – dell'importanza economica, sociale, turistica e culturale del vino e per questo credo che l'Associazione potrà essere un valido punto di riferimento"

All'assessore Bettarini è stato donato un calice serigrafato a mano con il simbolo di Città del Vino e a bandiera dell'Associazione.

La riunione de Consiglio Nazionale è servita a prendere alcune importanti decisioni: l'affidamento ufficiale all'enologo Roberto Bruchi dell'incarico di nuovo responsabile del concorso enologico “La Selezione del Sindaco”; l'approvazione dell'accordo con il Movimento Turismo del Vino per la promozione e realizzazione della ventesima edizione di Calici di Stelle che si terrà tra il 3 e il 14 agosto 2017; la presa d'atto della proposta di legge sull'enoturismo, all'indomani dell'audizione tenutasi a Roma, presso la XI Commissione Agricoltura del Senato alla quale è stata invitata l'Associazione ad esporre il proprio pensiero. Un giudizio sostanzialmente positivo per l'avvio dell'iter che potrà portare, si auspica in tempi rapidi, ad una norma quadro che consenta ai territori di sviluppare l'enoturismo e di dare alle cantine nuove opportunità per migliorare la qualità dell'accoglienza ed ottenere ulteriori benefici di carattere economico per l'importante attività di promozione dei territori che svolgono.

Nel corso della riunione è stato indicato il programma di massima dei festeggiamenti per il trentennale dell'Associazione che si terranno il 21 marzo prossimo, probabilmente a Roma, presso la Sala della Protomoteca in Campidoglio (sono in corso i contatti con l'amministrazione capitolina); in quell'occasione, oltre a raccontare trent'anni di attività delle Città de Vino, saranno consegnati riconoscimenti a personalità del mondo del vino e delle Città del Vino che, nel corso degli anni, hanno avuto ruoli da protagonisti nel loro rapporto con l'Associazione.