Al Vinitaly la memoria storica del Lambrusco

Al Vinitaly la memoria storica del Lambrusco


Gavioli Antica Cantina, storica azienda di Nonantola (Modena), presenta a Vinitaly (Pad. 1 Stand D7) le nuove annate dei tre fiori all’occhiello della casa vinicola: lo Spumante Lambrusco Brut Metodo Classico 30 mesi (vendemmia 2013), lo Spumante Lambrusco Metodo Classico Pas Dosé 2013 e il Lambrusco Modena DOC Rifermentazione Ancestrale 2016.

Lo Spumante Lambrusco Brut Metodo Classico 30 mesi (vendemmia 2013), sboccato il 15 marzo 2017 e prodotto a tiratura limitata (6.288 bottiglie), conferma la capacità della cantina di innovare senza dimenticare la tradizione e il territorio, spingendosi oltre ed esplorando le potenzialità delle uve del Sorbara vinificate in purezza.

Produzione a tiratura limitata  (5.083 bottiglie) anche per lo Spumante Lambrusco Metodo Classico Pas Dosé 2013, sboccato il 15 marzo 2017, che si presenta al mercato dopo aver riposato sui lieviti per 36 mesi, sviluppando caratteristiche uniche. Il risultato è uno spumante ben strutturato, pieno, armonico ed elegante. Di buona sapidità e fragranza, vanta un profilo sensoriale complesso, in cui i sentori di crosta di pane si accostano alle note della nocciola e della mandorla. L’etichetta nera si sposa perfettamente con il suo gusto raffinato ed austero.

È un omaggio enologico alla terra emiliana anche il Lambrusco Modena DOC Rifermentazione Ancestrale (2016), che si ispira al metodo utilizzato fin dagli antichi Romani e poi successivamente dai nostri avi per la produzione di vini frizzanti. La celebrazione del Lambrusco di Sorbara, nobile ed elegante, e la riscoperta delle origini sono le idee alla base del progetto che ha dato vita a questa straordinaria etichetta.

 “Questi tre vini, fiori all’occhiello delle nostre produzioni- spiega Angela Giacobazzi, marketing manager di Gavioli Antica Cantina -sono nati dal desiderio di trovare un sentiero diverso che potesse parlare della nostra terra, cercando di esplorare le grandi potenzialità delle nostre campagne e delle uve di Sorbara. È un percorso che abbiamo intrapreso ormai da diversi anni, con la release nel 2012 del primo dei Lambruschi bianchi vinificati secondo Metodo Classico: è un progetto nel quale crediamo fermamente e che ha già portato ottimi risultati. Il nostro impegno è di migliorare di anno in anno, con audacia e rigore, spingendo sempre più lontano le nostre ambizioni nell’esaltazione di questo splendido vitigno che si chiama Sorbara.”  

La sede di Gavioli Antica Cantina a Nonantola unisce tutti gli elementi della memoria storica del Lambrusco con il meglio della tecnologia e del design contemporaneo: per questo il “Museo del Vino e della Civiltà Contadina” è stata scelto dalla Ferrari per far parte del “Discover Ferrari & Pavarotti Land”, tour che accompagna i turisti provenienti da tutto il mondo alla scoperta delle eccellenze del panorama modenese.