Schenk Italian Wineries celebra 65 Anni

Schenk Italian Wineries celebra 65 Anni


Schenk Italian Wineries si prepara per Vinitaly, la fiera italiana del vino per eccellenza, in programma a Verona da domenica 9 a mercoledì 12 aprile 2017, dove sarà pronta ad accogliere esperti, appassionati e buyer presso il Padiglione 3 - E 6 per le illustrare le novità 2017 e per raccontare il modello Schenk Italian Wineries, basato su territorio, qualità, sostenibilità.

Quest’anno Vinitaly sarà per noi un momento ancora più significativo, perché celebreremo il 65esimo anniversario dalla nascita della prima azienda italiana del gruppo Schenk nel 1952 a Reggio Emilia”, spiega Daniele Simoni, Amministratore Delegato di Schenk Italian Wineries. Da allora, dopo aver spostato la sede a Ora (BZ) nel 1960, è cominciato il progetto Schenk Italian Wineries: un lungo percorso evolutivo che ha messo al centro il territorio, investendo impegno e competenze nelle regioni italiane più vocate alla vitivinicoltura come l’Alto Adige, la Toscana, il Veneto, la Sicilia il Piemonte, la Puglia e l'Abruzzo. Le collaborazioni poste in essere dal nostro staff di agronomi ed enologi con produttori locali di alto livello, insieme all’’acquisizione delle cantine ‘Bacio della Luna’ a Vidor - Valdobbiadene (Treviso) nel 2011, e ‘Lunadoro’ a Valiano di Montepulciano (Siena) nel 2016, hanno dato impulso a questo progetto che procede con passo spedito. “Un ringraziamento, in particolare, desidero rivolgerlo a Joerg Herren - aggiunge Daniele Simoni - che mi ha preceduto nella guida dell’azienda e che, con la propria lungimiranza, ha portato Schenk Italia ad essere ciò che è oggi: un gruppo solido e strutturato, in grado di competere sul mercato esprimendo al meglio le potenzialità dell’Italia del vino attraverso prodotti che sempre più conquistano consensi nel mercato interno e all’estero”. 

Le celebrazioni del 65° anniversario si terranno nel prestigioso contesto del Palazzo Verità Poeta, a Verona, dimora patrizia del Settecento, con un evento riservato cui prenderanno parte il board del Gruppo Schenk e tutte le aziende europee che ad esso fanno capo.

 “A Verona - conclude Roberta Deflorian, Direttore Commerciale Schenk Italian Wineries - tra le novità dell’anno presenteremo anche un vino che sta già cominciando a riscuotere i primi riconoscimenti e apprezzamenti da parte della critica. È ‘Masso Antico’, da vitigni 100% Primitivo, che ha appena conquistato 99 punti dalla guida enologica Luca Maroni. Siamo estremamente orgogliosi di questo primo risultato che rappresenta un’ulteriore conferma a sostegno del cammino di crescita fin qui intrapreso”.

In questa edizione di Vinitaly, appassionati, buyer ed esperti del settore avranno la possibilità di conoscere e degustare tutti i ‘Marchi del Territorio’ e i ‘Marchi Premium’ di Schenk Italian Wineries. Non mancheranno inoltre le novità ‘Bacio della Luna’ che verranno presentate in anteprima per l’Italia: il Cartizze DOCG Dry, il Prosecco DOCG Millesimato Extra Dry e il Prosecco DOCG Millesimato Brut. Lunadoro porterà invece il Rosso di Montepulciano Prugnanello 2015; il Nobile di Montepulciano Pagliareto 2013 e il Nobile di Montepulciano Riserva Quercione 2012, fiore all'occhiello di Lunadoro, che già hanno riscosso un grande successo sia in occasione dell'Anteprima del Nobile, sia a Prowein.

 

Masso Antico Primitivo, da vitigni 100% Primitivo, con il suo colore rosso rubino e il suo complesso bouquet, è caratterizzato da aromi intensi e fini, che vanno dalla frutta matura alle note speziate. L’utilizzo di un antico metodo chiamato “Alberello”, tipico dell’area mediterranea in Italia, e usato in origine soprattutto per contrastare il clima molto caldo e la mancanza di acqua, è divenuto parte molto importante del patrimonio culturale e enologico della Puglia. L'appassimento dell'uva sulle piante, favorito dal vento di mare, e una lenta maturazione in botti di rovere francese per circa 6 mesi si traduce in un eccezionale vino corposo, con tannini morbidi che rilasciano note di vaniglia nel finale.