“Vinalies d'Or 2017” ad un vino romagnolo

“Vinalies d'Or 2017” ad un vino romagnolo


Prestigioso riconoscimento in terra francese per l'enologia romagnola: il Romagna Sangiovese superiore 2015 della Tenuta Colombarda conquista la Medaglia d'oro al 23° Concorso enologico internazionale "Vinalies d'Or 2017" di Parigi. Ancora una volta l'azienda di San Vittore di Cesena (FC), dopo aver conquistato la medaglia d’argento al “Rosé du monde 2016” con il vino Igt Rubicone Rosato “Rosalaura” 2015, è riuscita nuovamente a portare ai massimi livelli l'enologia romagnola in terra di Francia. Quest'anno, infatti, il vino Romagna Sangiovese superiore 2015, ottenuto in purezza e vinificato in acciaio, ha sbaragliato la concorrenza grazie alla sua spiccata freschezza e alla misurata tannicità.

Il Romagna Sangiovese superiore 2015 nasce da una vigna a 155 metri di altitudine e dopo un affinamento in acciaio è pronto per rappresentare al meglio l'interpretazione autentica di questo vitigno. Profumi di viole, amarene, ciliegie e rose si chiudono su un particolare finale di foglie di tè verde. Piacevole è la freschezza al palato, giusta l'alcolicità (13%) e la calibrata sensazione tannica permette abbinamenti tradizionali con piatti di carne, salumi, uova, paste e formaggi di media stagionatura.

Un risultato, quello ottenuto dal Romagna Sangiovese superiore 2015, che arriva grazie a un investimento costante di Tenuta Colombarda e alla competenza dell’enologo italo-francese Giuseppe Meglioli sullo studio, l'innovazione delle tecniche di vinificazione e il rispetto organolettico dei prodotti immessi nel mercato.  

Da anni Tenuta Colombarda sposa, in tutta la sua filiera, una filosofia attenta e ragionata per il rispetto dell’ambiente e dell’uomo. Un autentico approccio green che parte dal vigneto e che si conclude in cantina. Ad esempio pratica un’agricoltura di precisione: grazie a una centralina meteorologica che fornisce indicazioni precise su possibili infezioni crittogamiche e batteriche, riduce le quantità di fitofarmaci e ottimizza il loro utilizzo secondo i principi della Difesa Integrata Avanzata (Misura 214 azione 1 Reg. CE n. 1698/05). Inoltre, grazie alla decisione di lavorare solo vitigni autoctoni in purezza e in acciaio si permette di ritrovare nei vini prodotti l'autentica e identitaria valorizzazione del territorio e del vitigno.