Refrontolo atto primo. Tutto pronto per la sfida del 7 maggio

Refrontolo atto primo. Tutto pronto per la sfida del 7 maggio


Refrentolo atto primo. Manca poco alla prima edizione del Palio delle Botti organizzato dal Comune trevigiano e che si svolgerà domenica 7 maggio tra le strade e le vigne del borgo. Illustra l'evento, organizzato per la prima volta dal Comune, Andrea Bellè, capitano della squadra che si sfiderà per la conquista del palio ma anche per incamerare punti utili per poi partecipare alla finalissima che si svolgerà a San Gusmé, frazione di Castelnuovo Berardenga (Siena) il prossimo 6 maggio.

“Prima di tutto – afferma Bellè – vorrei sottolineare che l'organizzazione di questa festa sta coinvolgendo tante persone, tanti volontari, praticamente il paese intero, e questo credo sia già il più grande successo”. La gara di Refrontolo ha una particolare caratteristica: il pubblico potrà seguire il circuito quasi per l'intero percorso, per come è stato ideato, in modo tale che si possano vivere tutte le fasi della gara.

Le quadre dovranno far rotolare le botti per un percorso di 1.250 metri; vi sono alcune difficoltà da superare, alcune discese repentine e una bella salita di circa 500 metri e anche tratti di… scale. “Si – afferma Bellè – si tratta di alcuni tratti sempre in salita con scalini che saranno resi scalabili da mensole di legno; un handicap per rendere più avvincente il percorso”.

Tutto avrà inizio, però, sabato 6 maggio con la Pro Loco che, insieme al Comune, ha organizzato visite guidate tra cantine, vigne e paesaggio. Atleti e accompagnatori potranno essere guidati in una Passeggiata d'Incanto, itinerario alla scoperta delle qualità del territorio di Refrontolo e nel farlo saranno accompagnati da alcuni personaggi del mondo delle credenze e delle leggende popolari: fate, gnomi, streghe… che all'improvviso compariranno per raccontare i luoghi che si stanno visitando. Saranno visitabili la Pieve di San Pietro di Feletto, con i suoi antichi affreschi, il Molinetto della Croda, l'Abbazia di Follina fino a spingersi a CastelBrando.

“Molto dipenderà dalle prenotazioni e dal desiderio di esplorare che avranno gli amici che ci verranno a trovare – afferma Bellè – e che la sera di sabato ospiteremo per una grande cena durante la quale presenteremo le squadre partecipanti. Sarà, ne sono certo, una gran bella festa. Grazie anche ai tanti sponsor che ci hanno aiutato e che hanno sostenuto il nostro sforzo organizzativo tra Pro Loco, Comune e Gruppo Palio delle Botti”.

Alla gara perteciperanno le suadre dei Comuni di Avio (Trento), Barolo (Cuneo), Cavriana (Mantova), Furore (Salerno), Maggiora (Novara), Nizza Monferrato (Asti), San Pietro in Cariano (Verona), Suvereto (Livorno), Valdobbiadene (Treviso), Vittorio Veneto (Treviso) e, naturalmente (Refrontolo (Treviso).