Refrontolo, cronaca di un successo annunciato

Refrontolo, cronaca di un successo annunciato


Si è conclusa nel migliore dei modi  la prima edizione del Palio delle Botti di Refrontolo, organizzato grazie al sostegno del Comune di Refrontolo e alla preziosa collaborazione tra la Squadra del Palio delle Botti di Refrontolo, la Pro Loco e le numerose associazioni del paese. Un palio molto sentito e che da anni la squadra, forte dei successi ottenuti in giro per l'Italia e caldeggiati dalle altre squadre amiche, ha sognato di portare nel suo piccolo paese adagiato nel cuore delle colline trevigiane del Prosecco tra Conegliano e Valdobbiadene.

La caratteristica manifestazione si è svolta sabato 6 e domenica 7 maggio nel contesto della Mostra dei Vini di Refrontolo, dove da 48 edizioni la Pro Loco espone sapientemente il Colli di Conegliano Refrontolo Passito d.o.c.g. e il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore d.o.c.g., vini che rappresentano il fiore all'occhiello della produzione vitivinicola refrontolese.

Sono 9 le squadre provenienti da tutta Italia che hanno raggiunto il piccolo paese trevigiano per disputare la seconda tappa del circuito nazionale organizzato dall'Associazione Città del Vino. Avio (TN), Barolo (CN), Cavriana (MN), Furore (SA), Maggiora (NO), Nizza Monferrato (AT), Suvereto (LI), Valdobbiadene (TV) e Vittorio Veneto (TV), assieme alla squadra di casa, sono stati i protagonisti di questo weekend denso di iniziative culminato con una grande festa che ha coinvolto tutti i presenti.

Nel pomeriggio di sabato, le squadre che hanno raggiunto Refrontolo sono state guidate dai volontari referenti alla scoperta di alcuni dei luoghi più caratteristi della zona, tra cui l'incantevole e suggestivo Molinetto della Croda, luogo particolarmente caro agli abitanti del paese e chicca architettonica e naturale che accoglie ogni anno migliaia di turisti. Altra tappa è stata la visita alla plurisecolare Pieve di San Pietro di Feletto, edificio sacro di epoca longobarda che ospita al suo interno affreschi antichissimi. Non poteva mancare, infine, un piccolo giro di degustazione in alcune delle cantine di Refrontolo prima di proseguire la serata alla Mostra dei Vini dove la Pro Loco e gli Alpini di Refrontolo hanno offerto alle squadre una deliziosa cena a base di risotto agli asparagi con riso carnaroli di Maggiora e il tipico spiedo  di carne.

Durante la cena, un momento è stato dedicato  alla presentazione delle squadre con lo scambio di ceste con i prodotti tipici locali di ognuna di esse e l'assegnazione tramite sorteggio della botte disegnata dai bambini della scuola primaria, dell'infanzia e dell'asilo nido di Refrontolo.
La folcloristica e coinvolgente musica del trio Orsi Popolari ha contribuito a riscaldare l'atmosfera, nonostante la pioggia, per una serata di presentazione delle squadre finita in gran festa.

Nella prima mattinata di domenica, l'Associazione Lyra ha organizzato per i presenti una piccola passeggiata attorno al centro storico del paese alla scoperta dei suoi reconditi angoli naturali, della sua storia e delle caratteristiche leggende che hanno contribuito a dare al luogo un'aria magica e fatata.
Alla sua conclusione, le strade del paese hanno iniziato a riempirsi di spettatori accorsi per assistere alle prove di qualifica utili a stipulare la griglia di partenza per la gara vera e propria.

Nel pomeriggio, dopo la sfilata di rito che ha visto susseguirsi personaggi storici e fatati della tradizione paesana, la Schola Tamburi Antichi insieme ai Giovani Accordi di Refrontolo e le squadre,  ad aprire le danze sono state la corsa di spinta della botte a slalom con squadre miste composte da due uomini e due donne ciascuna e la gara di spinta completamente al femminile al termine delle quali Refrontolo si guadagna il primo posto del Palio Cittadino seguita da Maggiora e Suvereto rispettivamente al secondo e terzo posto.

La gara nazionale di spinta della botte, partita in perfetto orario sulla tabella di marcia grazie alla sapiente organizzazione dei volontari, si è conclusa con la vittoria della squadra di casa, seguita da Maggiora (2°), Suvereto (3°), Nizza Monferrato (4°), Vittorio Veneto (5°), Cavriana (6°), Valdobbiadene (7°), Furore (8°), Avio (9°) e Barolo (10°).
Un percorso lungo 1.250m spettacolare ma per niente semplice che ha attirato più di 3000 persone.

"Una cosa mai vista a Refrontolo" commentano gli organizzatori emozionati e completamente soddisfatti del risultato ottenuto. Non solo per il primo posto alla gara, ma per la riuscita dell'evento nel miglior modo sperato. "Il successo più grande è stato vedere le migliaia di persone che sono accorse per assistere al nostro Palio e vederle andare via soddisfatte" continuano gli organizzatori "tutto questo grazie alla collaborazione di tutte le associazioni del paese, di tutti i volontari che sono stati più di 100  e alla grande passione che ci lega a questa particolare iniziativa a cui prendiamo parte da quasi 10 anni."
Un'iniziativa che permette alle Città del Vino di tutta Italia di scambiare i propri prodotti tipici, di far conoscere le proprie tradizioni e di creare forti legami di amicizia tra tutti i partecipanti. A conclusione di questo weekend di festa, sport e condivisione, l'organizzazione del Palio delle Botti di Refrontolo spera di poter ripetere l'esperienza.

Per rivivere le emozioni della gara, si potranno trovare foto e video sulla pagina Facebook Squadra Palio delle Botti di Refrontolo.