ITALIA IN ROSA compie dieci anni

 ITALIA IN ROSA compie dieci anni


Torna in scena la prima rassegna dedicata alla cultura del “bere rosa”: dal 2 al 4 giugno si rinnova l’appuntamento con “Italia in Rosa”, il festival dei vini rosé di Moniga del Garda, che quest’anno taglia il traguardo del decennale promettendo un’edizione in grande stile e numeri da record. Sono infatti 141 le cantine attese in fiera, per un totale di oltre 200 etichette in degustazione nella grande area del Castello di Moniga, tipica costruzione difensiva del territorio che risale al periodo tra il XIV e il XV secolo con un emozionante panorama sul lago di Garda.

Moniga, nel cuore della Valtènesi, è il borgo rivierasco che ha dato i natali al Chiaretto, il tipico rosé della Riviera del Garda le cui origini sono legate al senatore veneziano Pompeo Molmenti, che nel 1896 codificò ufficialmente nella sua cantina di Moniga del Garda il metodo produttivo di un vino già da tempo diffuso sul territorio.

Da questo importante retaggio storico è nata dieci anni fa l’idea di una manifestazione aperta al confronto con le altre aree d’Italia produttrici di rosati e rosé: un’intuizione rivelatasi vincente, come dimostra la vasta rappresentanza di regioni ospiti dell’edizione del decennale. Oltre alle 40 aziende della Valtènesi, a rappresentare la vocazione del territorio alla produzione di rosé, spicca la presenza della Puglia con ben 26 insegne: una partecipazione quest’ultima che rafforza l’asse strategico Val­tènesi-Salento, sancito quest’anno dalla collaborazione fra Italia in Rosa e Roséxpo, in programma a Lecce dall’8 al 10 giugno. A Moniga parteciperanno infatti i 18 produttori riuniti nell’associazione deGusto Salento, mentre il Consorzio Valtènesi sarà ospite a Lecce con un gruppo di una quindicina di produttori. Cospicue anche le adesioni di Lombardia (18 insegne tra cui sette dalla Franciacorta), Veneto (17 cantine), Toscana (che sarà presente anche con l’associazione Rosae Maris- Vini Rosati di Maremma e Fivi per un totale di 18 aziende), Sicilia e Piemonte (rispettivamente sei e sette), oltre che di importanti realtà come Le Donne del Vino, il Consorzio Oltrepò Pavese, i Vignaioli Veneti.

Tra le novità di questo decennale in grande stile si distinguono anche il lancio del nuovo concorso “Italia in Rosa Packaging”, dedicato all’etichetta più accattivante ed organizzato da Sanfaustino Label con la partecipazione di esperti nazionali oltre alla Regata storica del Garda, esplicitamente dedicata all’evento. Non potrà mancare un momento di commemorazione per Sante Bonomo, past president del Consorzio Valtènesi recentemente scomparso e fra i primi sostenitori della manifesta­zione: durante Italia in Rosa verrà presentata una borsa di studio per studenti degli istituti alberghie­ri a lui esplicitamente dedicata.

Degustazioni guidate da esperti, giornalisti e sommelier (gratuite ma con prenotazione obbligatoria a info@italiainrosa.it o al 370-1108423), momenti di approfondimento tecnico e presenza di area food con risotti e formaggi tipici dell’Alto Garda completano il programma. L’ingresso costa 10 euro con degustazione libera di tutti i vini, cui vanno aggiunti 3 euro di cauzione per sacca e bicchiere che verranno restituiti alla riconsegna. Info ed aggiornamenti in tempo reale sul sito www.italiainrosa.it.

Italia in Rosa, Valtènesi e Salento a confronto con i mercati

Le “case history” di Valtènesi e Salento a confronto con la sfida dei mercati internazionali saranno quest’anno al centro del convegno tecnico di Italia in Rosa “Da moda a denominazione: come cambia il mercato dei Rosè”, in programma nella mattinata di sabato 3 giugno alle 10.15 a Villa Galnica di Puegnago, sede del Consorzio Valtènesi.

Oltre al presidente di Italia in Rosa Luigi Alberti, al presidente del Consorzio Valtènesi Alessandro Luzzago ed al direttore Carlo Alberto Panont, all’incontro parteciperanno Jlenia Gigante di De-gustoSalento, e Jean Marc Ducasse, buyer manager del Pink Rosé Festival di Cannes, che nel suo intervento presenterà i risultati commerciali del primo B2B internazionale sui vini Rosé illustrando il sentiment degli oltre 80 buyer intervenuti alla prima edizione del festival francese. In particolar modo verrà analizzato il trend di richiesta internazionale per le produzioni italiane, oltre alle risposte di mercato per il Valtènesi Chiaretto con le esperienze dirette di operatori che hanno partecipato a questo nuovo, importante evento internazionale. I lavori si chiuderanno con due importanti premiazioni: la proclamazione del Chiaretto vincitore del Trofeo Pompeo Molmenti2017, e la presentazione delle tre etichette vincitrici della prima edizione del concorso Italia in Rosa Packaging.

 

 Programma

Iir17 cartella stampa