Miglior PRG del vino, il nuovo bando

Miglior PRG del vino, il nuovo bando


 Associazione Nazionale Città del Vino ha bandito il nuovo concorso nazionale
per “IL MIGLIOR PIANO REGOLATORE DELLE CITTA’ DEL VINO” 2017

Promozione

Il Concorso è promosso dall’Associazione Nazionale Città del Vino. È rivolto ai Comuni e agli Enti territoriali che si sono dotati di uno strumento di pianificazione territoriale e urbanistica attento ad uno sviluppo sostenibile del territorio e nel quale assume rilievo la pianificazione delle zone di pregio vitivinicolo. Il premio è conferito nell’ambito di Urbanpromo, evento di marketing territoriale promosso dall’INU - Istituto Nazionale di Urbanistica - e organizzato da URBIT - Urbanistica Italiana (Milano, La Triennale, 21-24 novembre 2017).

Finalità

Il Concorso si prefigge di richiamare l’attenzione degli Amministratori di Comuni ed Enti territoriali e dei pianificatori, sulla tutela e la valorizzazione delle aree di pregio per la produzione vitivinicola, sotto il profilo idrogeologico, ambientale, paesaggistico, produttivo ed economico, nonché sul recupero, riuso e valorizzazione del complesso delle strutture edilizie connesse alla produzione, commercializzazione e diffusione della cultura in ambito enologico e vitivinicolo. Attraverso la pubblicizzazione dei suoi risultati, il concorso intende inoltre contribuire alla diffusione di buone pratiche, in quanto termini di riferimento per il perseguimento di ulteriori progressi nella pianificazione di territori vitivinicoli.

Partecipazione

Possono partecipare i Comuni e gli Enti territoriali che si sono dotati di uno strumento di pianificazione territoriale e urbanistica (piano territoriale di coordinamento o comunque progetto di area vasta,piano intercomunale, piano regolatore, piano strutturale o strumenti analoghi di pianificazione generale) i cui contenuti sono in linea con le finalità del Concorso.

Possono essere presentati solo strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica aventi efficacia sul governo del territorio, e quindi almeno formalmente adottati dall’Amministrazione.

Lo strumento urbanistico deve essere stato adottato nell’ultimo triennio. Per questa edizione del Concorso, l’adozione deve essere successiva al 1.10.2014.

Modalità di partecipazione

Alla domanda di partecipazione, indirizzata all’Associazione Città del Vino, deve essere allegata la seguente documentazione:

  1. una sintetica relazione di accompagnamento (max cinque cartelle) che illustri gli elementi salienti dello strumento di pianificazione in relazione alle finalità del Concorso; sarà cura di tale relazione evidenziare, di tali elementi, quelli che sono stati oggetto di discussione e di confronto durante l’iter di formazione dello strumento, indicando le loro eventuali modifiche dalla sua adozione alla successiva eventuale approvazione;

  2. le schede riassuntive delle tematiche prese in esame dal seguente bando di concorso (allegati a.; b.; c.; d.; e.; f.)

  3. gli estratti della documentazione ufficiale del PRG (relazione generale, tavole grafiche, norme tecniche,...) atti a documentare gli elementi evidenziati nella sintetica relazione di cui alla lett. a);

  4. eventuale ulteriore documentazione, funzionale alla formazione dello strumento di pianificazione, atta a documentare l’orientamento dello strumento verso le medesime finalità del presente Concorso; questa documentazione può comprendere anche immagini fotografiche ed iconografiche;

  5. la documentazione integrale dello strumento di pianificazione;

  6. la delibera di adozione o di approvazione.

Tutta la documentazione allegata alla domanda deve essere prodotta in formato digitale.
La documentazione di cui alla lett. a) deve essere prodotta anche in formato cartaceo.

La domanda deve pervenire entro le ore 12,00 del giorno 30 settembre 2017 al seguente indirizzo:
Associazione Nazionale Città del Vino - Concorso PRG Città del Vino
Via Massetana Romana 58/B - 53100 SIENA

Criteri di valutazione e Giuria

La valutazione della candidatura avviene solo sulla base della documentazione ufficiale dello strumento di pianificazione, rispetto alla quale la sintetica relazione di accompagnamento svolge solo una funzione di aiuto all’interpretazione.

I criteri di valutazione della Giuria sono:

  1. le analisi di conoscenza delle caratteristiche del territorio vitivinicolo e del complesso delle strutture edilizie connesse alla produzione, commercializzazione e diffusione della cultura in ambito enologico e vitivinicolo;

  2. la qualità e l’originalità dei contenuti normativi e progettuali inerenti al territorio vitivinicolo ed al complesso delle strutture edilizie connesse alla produzione, commercializzazione e diffusione della cultura in ambito enologico e vitivinicolo;

  3. il grado di coerenza delle analisi e delle proposte progettuali con la metodologia del “Piano Regolatore delle Città del Vino” (PRCV) predisposta dall’Associazione Nazionale delle Città del Vino, scaricabile dal sito ww.cittàdelvino.it;

  4. il rapporto tra le zone di interesse vitivinicolo ed il territorio urbano e le infrastrutture;

  5. la gestione delle trasformazioni nelle zone di interesse vitivinicolo e del sistema delle strutture edilizie connesse all’economia e alla cultura del vino;

  6. la qualità del dibattito e del confronto pubblico che, sugli specifici temi del concorso, hanno accompagnato la formazione dello strumento.

La Giuria apprezzerà in modo particolare gli strumenti di pianificazione riferiti a comprensori equivalenti all’estensione di una zona a denominazione di origine.

La Giuria è nominata dall’Associazione Città del Vino ed è composta da:

  1. il Presidente di Città del Vino o un suo delegato;

  2. il Direttore di Città del Vino;

  3. un esperto in materia agronomica;

  4. un esperto in materia paesaggistica;

  5. un esperto in pianificazione urbanistica;

  6. un esperto in architettura del vino;

  7. un esperto in marketing territoriale.

Premio

L’Associazione Città del Vino, sulla base delle valutazioni della Giuria, conferisce il Premio “Il Miglior PRG delle Città del Vino” per l’anno 2017. Il Premio, sotto forma di attestato o altro analogo riconoscimento, è consegnato nell’ambito di una cerimonia da tenersi in occasione di Urbanpromo o di altro analogo evento di rilevanza nazionale.

Il progetto vincitore sarà pubblicato, per estratto, nella rivista dell’Associazione. L’Associazione e INU/URBIT diffonderanno la notizia dell’assegnazione del Premio presso i mezzi d’informazione e promuoveranno la pubblicazione dei contenuti del progetto presso la stampa specializzata.

Il marchio “Il Miglior PRG delle Città del Vino” potrà essere utilizzato, per le proprie attività promozionali dai Comuni e dagli Enti territoriali, e dalle aziende vitivinicole operanti nel territorio dell’Ente che ne faranno espressa richiesta. Il marchio attesta che “il vino è prodotto nel territorio del Comune di ... ... ... il cui uso è disciplinato dal miglior Piano Regolatore delle Città del Vino 2017”.

L’Associazione si riserva di revocare l’utilizzo di tale attestazione qualora, nella gestione del territorio operata dall’Ente, dovessero verificarsi processi o eventi in contrasto con le finalità del presente Concorso.

L’Associazione riconoscerà l’apporto recato dai progettisti, sia conferendo loro un attestato o analogo riconoscimento in occasione della premiazione, sia valorizzandone il contributo tecnico e scientifico nell’ambito delle attività di comunicazione inerenti gli esiti del Concorso.

Per informazioni

Associazione Nazionale Città del Vino tel. 0577 353144 fax 0577 42612

info@cittadelvino.com