Un museo del vino nella capitale del vino della regione Campania

Un museo del vino nella capitale del vino della regione Campania


Sabato 2 agosto a Guardia Sanframondi (Bn) verrà inaugurato un museo dedicato al vino all'interno di un palazzo d'epoca incastonato nella splendida cornice della piazza antistante il castello dei Fremondo. Un museo per far rivivere valori antichi, risvegliare l'interesse per la tradizione e ricostruire il passato di un popolo di viticoltori.

Per i giovani vuole essere un'occasione per riallacciare i fili di una storia antica, la cui eco rischiava di perdersi tristemente nell'aria, senza lasciare tracce consistenti nella coscienza civile di una comunità che non può avere un futuro senza una salda memoria di quello che è stata. Agli anziani si vuole dare la possibilità di ritrovare gli ambienti, gli attrezzi di lavoro e le voci della propria giovinezza. Chiunque può arricchirlo donando o mettendo semplicemente a disposizione (senza perderne il diritto di proprietà) oggetti e documenti inerenti la vitivinicoltura.

L'inaugurazione del museo sarà anche l'occasione per esporre tutte le opere ammesse alla prima edizione del “Premio internazionale Bacco”, che ha come tema “il vino e il cibo”. Tra le opere saranno poi scelte quelle vincitrici del concorso, che si propone di costruire un ponte ideale con Expo Milano 2015 e contemporaneamente celebrare le nozze tra Arte e Vino nella capitale del Vino della Campania.

Per la sua storia ultracentenaria in campo vitivinicolo, Guardia Sanframondi ha infatti tutte le carte in regola per fregiarsi di questo titolo. Vale la pena ricordare che, oltre ad essere socia dell'Associazione nazionale delle Città del Vino da quasi vent'anni, è il comune della provincia di Benevento a più forte vocazione vitivinicola con circa 800 aziende agricole e ben 12.000 ettari di vigneto tra i più estesi e compatti della Campania. Per non parlare della più grande cooperativa vitivinicola del Mezzogiorno “La Guardiense” che da oltre 50 anni produce e commercializza milioni di ettolitri di vino in tutt'Italia. (di Alessandra Calzecchi Onesti)