La FAO designa nuovi siti come patrimonio agricolo mondiale

La FAO designa nuovi siti come patrimonio agricolo mondiale


La FAO ha designato tredici nuovi siti come Sistemi del Patrimonio Agricolo di rilevanza mondiale (GIAHS), in riconoscimento dell'ingegnosità attraverso la quale risorse naturali e necessità umane sono state combinate per creare mezzi di sostentamento ed ecosistemi mutualmente sostenibili. Il Forum internazionale che li ha proclamati ha visto la partecipazione di alti rappresentanti dei governi di Cina, Italia, Spagna, Giappone, Spagna, Tanzania e autorità di Algeria, Cile e Francia oltre a funzionari dell'UNESCO che gestisce il famoso programma Siti Patrimonio dell'Umanità.

I nuovi siti del programma FAO si trovano in Cina, Egitto, Giappone, Repubblica di Corea, Messico, Portogallo, Spagna e Sri Lanka. Le loro produzioni spaziano dalla frutta alla verdura, alla carne e riso, fino al sale, al tea, la seta e il wasabi. Questi sistemi "riflettono una profonda armonia tra uomo e natura" ha affermato Maria Helena Semedo, Vice Direttore Generale della FAO, alla cerimonia ufficiale a Roma.

Con le nuove aggiunte, il numero totale di siti GIAHS nel mondo sale a 50. Il programma mette in risalto sistemi unici che le comunità rurali hanno forgiato nel corso di generazioni per promuovere la sicurezza alimentare, mezzi di sussistenza sostenibili, ecosistemi resilienti e una ricca biodiversità, il tutto in un contesto di incredibile bellezza.

"Questi luoghi non ci parlano di un passato nostalgico, ma offrono soluzioni per il presente e per il futuro" ha sottolineato Semedo. "I GIAHS offrono innovazione e opportunità, incluso un maggiore accesso a nuovi mercati e a settori come l'etichettatura ecologica, il turismo rurale o la formazione dei giovani per aggiungere valore al nostro patrimonio agricolo".

Tra i siti appena riconosciuti risultano i primi in Europa e America del Nord: il sistema agro-silvi-pastorale di Barroso in Portogallo, le saline di Salinas de Añana e la tradizione millenaria per la coltivazione dell'uva moscato di Axarquía in Spagna, oltre al sistema di isole agricole artificiali dette "chinampas" sviluppate a Città del Messico basandosi sulla trasmissione orale di tecniche utilizzate già dagli antichi Aztechi. 

In Italia ci sono due GIAHS candidati in attesa di approvazione: i vigneti del Soave e gli oliveti sulle colline tra Assisi e Spoleto, entrambi peraltro già iscritti al Registro nazionale dei paesaggi rurali storici.

Sviluppo sostenibile

I Sistemi del Patrimonio Agricolo di rilevanza mondiale prevedono sistemi di gestione dell'ecosistema dove le risorse idriche, la salute del suolo e altri fattori ambientali risultano strettamente connessi, tanto da dover spesso necessitare di regole ad-hoc per il controllo della proprietà terriera, l'allocazione delle risorse e del lavoro. “I Sistemi del Patrimonio Agricolo raggruppano in sé i pilastri economici, sociali, ambientali e culturali dello sviluppo sostenibile - ha dichiarato Semedo - Affermandone il valore, riconosciamo allo stesso tempo il ruolo degli agricoltori di piccola scala - creatori e custodi di tali sistemi - nel promuovere la biodiversità e molti altri obiettivi comuni”.

L'idea di questo programma è mettere in risalto le forme uniche e ingegnose che hanno permesso di raggiungere la sostenibilità nell'attività umana più di base: trasformare risorse naturali in un sistema alimentare sostenibile. L'obiettivo è quello di tutelarne dinamicamente la conservazione e di permettere ai piccoli produttori che hanno contribuito a realizzarle di continuare a operare come custodi e depositari della tradizione tra le sfide moderne come urbanizzazione e cambiamenti climatici. L'evidenza ha finora dimostrato che la designazione di un sito GIAHS può contribuire a conservare la biodiversità e a tutelare le varietà a rischio di estinzione - a beneficio della sicurezza alimentare mondiale - , oltre a dare nuova vitalità alle attività culturali locali, creando opportunità di lavoro e promuovendo il turismo. Il riconoscimento GIAHS può essere integrato con strategie di marketing per promuovere la domanda di prodotti agricoli locali, aumentandone i prezzi. Il riso certificato di Sedo, in Giappone, dove offre rifugio all'ibis crestato (specie protetta), sul mercato si vende al doppio rispetto ad altre varietà locali.

Un ponte verso il futuro

Semedo ha invitato a portare il programma GIAHS ad un nuovo livello strategico, creando maggiori sinergie e opportunità per "i valenti artisti che hanno scolpito il nostro passato, disegnato il nostro presente e che daranno forma al nostro futuro". Perché un sito venga designato dalla FAO come Patrimonio Agricolo deve avere rilevanza globale, rappresentando un come bene pubblico per la sua funzione a sostengo della sicurezza alimentare e dei mezzi di sostentamento, della biodiversità, dei sistemi di conoscenza, e delle tecnologie adattate, della cultura - oltre a dei paesaggi eccezionali. Molti di questi siti forniscono importanti servizi ecosistemici anche al loro esterno, cosa che rende ancor' più importante fornire incentivi economici per la loro conservazione.

Alcuni paesi hanno addirittura creato un proprio programma nazionale, come la Repubblica Popolare di Cina e il Giappone, i cui governi si sono dimostrati sostenitori particolarmente attenti e generosi del programma GIAHS.

 Per sapere di più sui nuovi siti clicca qui 
 Per immagini dei loro incredibili paesaggi clicca qui.