Exploring Nero d'Avola: Parigi e Nairobi concludono il primo tour mondiale

Exploring Nero d'Avola: Parigi e Nairobi concludono il primo tour mondiale


Diciotto tappe in quattro continenti, dagli Stati Uniti al Giappone fino al Kenya, un intero anno

dedicato a raccontare il Nero d’Avola, un tour mondiale riservato a una sola varietà autoctona, che

Planeta ha così voluto rilanciare sui mercati internazionali promuovendone una nuova e più

profonda conoscenza. Si è concluso nei giorni scorsi con due tappe ravvicinate - a Parigi, in

occasione de Le Grand Tasting 2018 di Bettane+Desseauve, e a Nairobi, alla presenza dei media e

dei wine lover del paese - il progetto “Exploring Nero d’Avola”.

Partendo da Noto, terra d’origine del Nero d’Avola, il tour ha fatto tappa a Dubai, Abu Dhabi, Osaka,

Tokyo, Londra, Verona, Montreal, Toronto, Seattle, Portland, Denver, Monaco, San Francisco, Los

Angeles, Boston, Washington e appunto Parigi e Nairobi.

“Il Nero d’Avola è il più difuso e conosciuto vitigno a bacca rossa di Sicilia, ma non ha ancora

conquistato il posto che merita in termini di conoscenza e apprezzamento tra le varietà del Sud: per

questo abbiamo scelto di dedicare un progetto speciale al Nero d’Avola, a beneficio della difusione e della

valorizzazione di questa varietà, senz’altro da ricollocare correttamente nel panorama delle più

importanti”, spiega Alessio Planeta, che ha condotto il tour attraverso un seminario che ha alternato

il racconto storico alle informazioni tecniche, il passato e il presente del Nero d’Avola, e una

degustazione dedicata ai vini a cui questa varietà dà vita, frutto di zone diverse e di annate diverse.

Una “esplorazione”, appunto, seguendo le tracce del Nero d’Avola: eccezion fatta per l’Etna, infatti, le

altre quattro cantine di Planeta - Menfi, Noto, Vittoria e Capo Milazzo - vedono come protagonista

questa antica e nobile varietà.

“Stesso vitigno, stesse mani dell’uomo, ma terroirs diversi: è questa l’essenza di Exploring Nero d’Avola”,

spiega Alessio Planeta: “Il privilegio di produrlo in ben quattro diferenti territori, ci ha dato la

possibilità di studiarne le caratteristiche terroir per terroir e di apprezzare la sua capacità di

interpretare i diversi areali viticoli siciliani. A Menfi, ad esempio, il luogo d’origine della nostra famiglia

e dell’azienda, sui suoli argilloso calcarei il Nero d’Avola dà vita a vini con note di prugna e cacao.

Completamente diverso è il risultato che nasce dalle sabbie rosse di Vittoria, dove il Nero d’Avola entra

da disciplinare nel blend del Cerasuolo di Vittoria Docg, esprimendo caratteristiche ben più giocose e

fruttate, con le note fresche di fragola e ciliegia. Il territorio di Capo Milazzo, invece, è una sorta di ‘isola

nell’isola’: i suoli alluvionali e la vicinanza del mare danno vita a vini più freschi e vellutati, dove sono

più spiccate le note di alga marina, tamarindo, agrumi. Infine c’è Noto, la vera e propria culla del Nero

d’Avola, dove i suoli interamente calcarei danno vita a vini dalla struttura nobile, balsamica, con note di

ribes nero, carruba, incenso, proprio come il Santa Cecilia, il vino che abbiamo voluto fosse il più

rappresentativo dei nostri rossi, al punto da portare il nome e lo stemma di famiglia.

Questa è la nostra interpretazione del Nero d’Avola, che orgogliosamente quest’anno abbiamo portato in

giro per il mondo, sperando che questo possa aver contribuito a far conoscere e riconoscere al mercato e

agli amanti del vino l’anima di questo vitigno”.