USA, formazione e promozione per il vino italiano

USA, formazione e promozione per il vino italiano


Il 27 e 29 ottobre torna Simply Italian Great Wines, l’appuntamento di I.E.M. (International Exhibition Management) che porterà oltreoceano più di 50 aziende insieme a Federdoc, Uvive-Unione Consorzi Vini Veneti DOC, Consorzio Vini del Trentino, Consorzio Vini di Romagna e Camera di Commercio di Udine. Tappe del tour New York e Chicago, due aree che si collocano ai primissimi posti degli Stati Uniti per consumi sia pro capite sia di vino importato.
Le due giornate vedranno impegnati giornalisti e professionisti di settore non solo in un confronto diretto con le aziende vinicole grazie al workshop commerciale nella formula walk-around tasting, ma anche in un fitto programma di seminari che permetteranno loro di esplorare la cultura enologica italiana: dall’importanza delle Dolomiti all’Emilia-Romagna, passando per il Veneto, per poi estendersi a tutte le denominazioni d’origine, ognuna con un suo carattere e spessore.
 
Quattro i seminari previsti: “Trentino Wine Essence of the Dolomites” del Consorzio di Tutela Vini del Trentino, “Taste it PDO Quality Italian Wines” di Federdoc, “Romagna Sangiovese, Heart of Italy” a cura del Consorzio di Tutela Vini dell’Emilia Romagna e “The Character of Veneto Wines” tenuto dall’ Uvive-Unione Consorzi Vini Veneti.
Tra i relatori Gregory dal Piaz, caporedattore di Snooth, una delle maggiori community online per wine drinkers e wine lovers ed il più completo database comprendente le caratteristiche, specificità e recensioni di svariate tipologie di vini da tutto il mondo. L’importanza di Snooth quale autorità nel mondo del vino è stata riconosciuta già nel 2008, quando ha ricevuto il Model of Excellence Award da InfoCommerce e I.E.M. ne vanta consolidati rapporti da diversi anni.
 
I.E.M. è sempre molto attenta alla questione educativa e infatti tra i vari relatori saranno presenti anche Giammario Villa, docente e Wine Educator presso l’Università della California e personaggio di rilievo per la conoscenza del vino Italiano, e Michael A. Schaefer, Certified Wine Educator. La seconda giornata a Chicago vanterà anche la partecipazione di Tom Hyland, giornalista ed esperto del vino italiano di fama internazionale, e di Ryan Wichmann, Beverage Director di Italian Village, Chicago.
Seguiranno i consueti walk-around wine tasting riservati a stampa specializzata, opinion leader, wine educator e professionisti del settore organizzati appositamente per entrare direttamente in relazione con i produttori. Per la tappa di New York, inoltre, grazie alla preziosa collaborazione con Snooth, la degustazione sarà aperta nell’ultimo segmento anche al grande pubblico di appassionati del vino italiano.
 
“Gli Stati Uniti sono considerati dagli esperti un mercato maturo - dichiara Marina Nedic managing director di IEM – ma è ancora in grado di offrire molto spazio ai prodotti esteri, dal momento che nel 2013 sono stati importati 10,9 milioni di ettolitri di vino, ossia solo un quarto del vino totale consumato nel Paese. La crescita è costante dal 2000, con un aumento di addirittura il +18% negli ultimi 10 anni”.
I.E.M., che vanta ormai da anni una presenza stabile negli Stati Uniti con la propria succursale IEEM e una profonda conoscenza diretta del mercato e delle sue dinamiche, è tra le poche realtà esclusivamente orientate a sostenere gli sforzi di internazionalizzazione delle aziende e, attraverso i suoi tour Simply Italian Great Wines, ne promuove l’introduzione e l’affermazione.
 
IEM (International Exhibition Management), nasce nel '99, dalla volontà dei due soci fondatori, Giancarlo Voglino e Marina Nedic, di mettere a frutto l'esperienza e il know-how maturati a livello internazionale nei campi della comunicazione, del marketing e dell’organizzazione fieristica.
Gli eventi Simply Italian rappresentano una opportunità per il settore agroalimentare Made in Italy di farsi conoscere all’estero. La struttura della loro organizzazione, basata su workshop commerciali e correlata ad altri tipi di eventi quali seminari, degustazioni guidate, conferenze stampa e cene promozionali, rende questi eventi il principale luogo di incontro tra i produttori italiani e gli operatori locali, senza dimenticare stampa, opinion leader e wine lover.