Il vino è spiritoso, parola di Alice Lupi

Il vino è spiritoso, parola di Alice Lupi


Mercoledì 26 novembre 2014, alle ore 18.00, l' Enoteca della Provincia di Roma ospiterà la presentazione del libro “Il vino è spiritoso” (Booksprint Edizioni, pp 122, euro 12,80) di Alice Lupi, giornalista associata a "Le Donne del vino" e sommelier per piacere. Un approccio divertente, adatto a chi conosce tutto del vino e a chi ne sa poco o nulla, un'opera prima di una giovane autrice già premiata a Parigi col prestigioso premio Oiv, '"Mention speciale 2014" dell'Organisation Internationale de la Vigne et du Vin nella categoria “Scoperta e presentazione dei vini”.

Alla presentazione, coordinata da Antonio Mazzitelli, Docente di enografia italiana e francese e Segretario Fisar della Delegazione di Roma, interverranno Maria Cristina Ciaffi, Delegata del Lazio de Le Donne del Vino e Presidente della Strada del Vino Terre Etrusco Romane, Sandra Ianni, Sociologa, esperta in cultura dell'alimentazione e delle tradizioni enogastronomiche, e Mauro De Angelis, Presidente del Consorzio Tutela Denominazioni Vini Frascati. Con la partecipazione di Francesco Di Pinto che leggerà alcune filastrocche tratte dal libro, e, a chiusura, un aperitivo con i vini offerti dal Consorzio Tutela Denominazioni Vini Frascati.

Il legame inscindibile tra le degustazioni del vino e il gioco. E' questo il punto di vista originale che dà spunto al saggio, che propone approfondimenti riguardanti la cultura enoica, affiancati da filastrocche scritte dalla stessa Lupi.

Secondo Mario Morcellini, direttore del dipartimento di Comunicazione a La Sapienza, che ne ha curato la prefazione, "il vino è legato nella leggenda alla rigenerazione stessa dell'esistere. Il succo d'uva fermentato è la materializzazione della vita nascosta. Questa bevanda magica è un insieme di liquido, di vitigno e di coppa, di terre e d'armonia con gli astri. E' l'oro d'autunno".

 

Il titolo del libro prende le mosse dalla parola polisemica "spiritoso". Il vino lo è per l'alcolicità, ma anche in quanto ricco di umorismo, di brio, di vivacità, caratteristiche che si ritrovano nel gioco”, sottolinea la Lupi, che prosegue: "Sono certa che tra vino, i degustatori edonistici e le filastrocche ci sia un legame argomentativo: sostengo che la degustazione abbia le caratteristiche del gioco tanto quanto la filastrocca, contribuendo a rendere il vino spiritoso e giocoforza spiritoso. Uno dei mille modi di comunicare il vino". 

Invito presentazione libro il vino spiritoso