Il piglio di una terra viva e generosa

Il piglio di una terra viva e generosa


Fondata alla fine degli anni ‘50 dall'attuale titolare, la Giovanni Terenzi è una tipica e tradizionale azienda a conduzione familiare dove Giovanni e la moglie Santa si occupano personalmente dei vigneti (circa 10 ha) con macchinari all’avanguardia e grossi sacrifici, mentre i tre figli si occupano di produzione, vendite ed amministrazione  fiscale. All’inizio degli anni ‘90, in un periodo di forte crisi per il mondo agricolo e soprattutto vitivinicolo, la testardaggine di Giovanni lo sfida a rilanciare il prodotto di punta della nostra terra - il vino rosso Cesanese del Piglio Doc, che nel 2008 diventa il primo DOCG della Regione Lazio - prima recuperando i vecchi filari appartenuti al nonno e poi selezionando il vitigno Cesanese d’Affile per poterlo reimpiantare nelle nuove vigne.

La storia del Cesanese è la storia di questa parte caratteristica dell'Italia centrale, la splendida Ciociaria. Terra viva, generosa e "scorbutica", come il vino che dona. L'imperatore Nerva, Federico II di Svevia, i Papi anagnini Innocenzo III e Bonifacio VIII, la famiglia Colonna ... sono solo alcuni dei grandi personaggi sedotti da questo vino prezioso e austero, che rimanda a sogni antichi, a sapori perduti, al lento trascorrere della vita.

La struttura aziendale - aperta tutto l'anno per visite guidate in cantina e ai vigneti, degustazioni ed eventi - è un'opera architettonica particolare,  dotata di un'ampia terrazza in cui si può godere della brezza che arriva direttamente dal Monte Scalambra e della veduta panoramica della vallata in cui sono coltivati i vigneti aziendali.

Ampia l’offerta: Cesanese del Piglio DOCG, Cesanese di Olevano Romano DOC, Rosso del Frusinate IGT, Rosato Lazio IGT, Passerina del Frusinate IGT, Olio extravergine di oliva, Grappa ricavata da vinacce delle uve aziendali e un vino rosso dolce ottenuto con tecniche antiche da abbinare alla pasticceria secca.

 

Il Concorso Enologico Internazionale Città del Vino 2019 ha premiato con una Gran Medaglia d’Oro il Vajoscuro Cesanese del Piglio Superiore Riserva DOCG del 2016: dal colore rosso rubino carico con bei riflessi violacei che si attenuano con l'invecchiamento, decisamente di gran corpo intenso, persistente, con chiari sentori di violetta, aromi di frutti a bacca rossa tipici del vitigno ed interessanti note speziate acquisite dalla permanenza in piccole botti di rovere. Il gusto caldo, intenso, con tannini morbidi ed avvolgenti, bene accompagna  arrosti, cacciagione di piccola e grossa taglia, formaggi di fossa e un buon cioccolato fondente.