I buoni vini del brigante

I buoni vini del brigante


I vigneti dell’Azienda Agricola Brigante sono situati in posizione strategica e dominante sulle colline della storica Cirò, in un habitat ideale per la coltivazione della vite. In questo ambiente, dal clima temperato dal mare e accarezzato dalle fresche brezze silane, da quattro generazioni ogni nostro vigneto viene lavorato con la stessa passione e l’amore che rievocano le calde atmosfere ed i valori dei tempi passati.  L’Azienda, che all’inizio dell’800 produceva il mosto destinato al mercato di Reggio Calabria, ai primi del ’900 era dedita esclusivamente alla vendita dell’uva.  Solo negli anni ’60 iniziò una propria produzione di vino per il mercato locale e sul finire degli anni ’90 ha deciso di organizzarsi in Cantina per l’imbottigliamento.

Lontani dal caos e dagli stress della città, in un ambiente che sembra bloccato nel tempo con ritmi di vita lenti, siamo riusciti negli anni a coniugare tradizione ed innovazione senza mai tradire i valori storici di un territorio ricco di enogastronomia, di bellezze naturalistiche e di cultura. Per la realizzazione dei nostri prodotti (vini e grappe) utilizziamo prevalentemente il Gaglioppo ed il Greco Bianco e solo marginalmente il Chardonnay. Il clima secco e caldo e la particolarità del terreno arido - creta bianca e grigia ornata da intensi profumi di macchia mediterranea come il biancospino, la menta selvatica, il giallo spino, il piraino, la ginestra - rappresentano le condizioni necessarie per la produzione di questi vitigni. Il Gaglioppo è la varietà autoctona calabrese, di cui è previsto dai disciplinari l’utilizzo per la produzione del Ciro’ DOC. Dal Gaglioppo ricaviamo il Rosso Classico, dal colore rubino intenso e profumi vinosi che col tempo si evolvono in un ricco bouquet, e il Rosato, dal bouquet floreale e fruttato. Il grappolo del Greco Bianco presenta acini piccoli e rotondeggianti, vinaccioli molto sviluppati e, quindi, con poca polpa e buccia sottilissima. Ha un colore giallo tendente al dorato con riflessi ambrati, odore etereo e sapore morbido, caldo, armonico con un caratteristico retrogusto.

Il Concorso Enologico Internazionale Città del Vino del 2019 ha attribuito una Medaglia d'Oro al 0727 del 2016 Cirò DOC Rosso Classico Superiore, ottenuto da sole uve gaglioppo. Le uve sono accuratamente raccolte a mano, macerazione di 6/8 giorni, pressatura soffice, affinamento in acciaio e botti di legno da 15 HL per 6 mesi e, a seguire, imbottigliamento senza filtrazione.