L’agricoltura e il cibo per le città resilienti

L’agricoltura e il cibo per le città resilienti


Il prossimo 20 gennaio 2015, alle ore 14.30, si terrà a Roma, presso la Sala Protomoteca del Campidoglio, si terrà a Roma, presso la Sala Protomoteca del Campidoglio un convegno sul rapporto tra agricoltura, cibo e città e le dinamiche sociali, economiche e ambientali a esso connesse.

Le città, e le aree metropolitane in misura particolare, costituiscono un ambito d’intervento strategico per orientare l’agenda politica verso la resilienza: è attraverso modelli urbani più sostenibili che si può migliorare la capacità di reazione dei territori ai cambiamenti sociali, economici e ambientali in atto. Le trasformazioni connesse all’instabilità dei mercati e ai prezzi dei prodotti agricoli (decisi a miglia e miglia di distanza dai luoghi di produzione e legate in misura crescente a ragioni speculative), la sicurezza alimentare e l’accesso a cibi di qualità a prezzi equi e gli effetti dell’urbanizzazione pongono l’urgenza del riconoscimento degli agroecosistemi e della produzione agricola non come attività antitetiche alla città, bensì come processi determinanti per la costruzione di strategie di resilienza; anche con riferimento al ruolo dei servizi ecosistemici come risorsa strategica per le politiche di sostenibilità urbana e di gestione del rischio per l’adattamento ai cambiamenti climatici.

Organizzato da Lands Network, spin-off dell’Università del Molise, in collaborazione con il Dipartimento di Bioscienze e Territorio dello stesso Ateneo, l’INEA, il Resilience Lab e Agriregioni Europa, l'incontro rappresenterà un'interessante occasione di scambio su questi temi tra rappresentanti delle istituzioni di diverse città italiane, il tessuto produttivo, la società civile e la ricerca.

L’iniziativa s’inserisce all’interno del progetto Roma Resiliente - lanciato da Roma Capitale nel quadro del programma 100 Resilient Cities e finanziato dalla Fondazione Rockfeller - che mira alla costruzione di una cultura della resilienza tra le istituzioni, i cittadini, le associazioni e le imprese.

Savethedate agricolturaecibo