Il vino si fa in vigna

Il vino si fa in vigna


La provincia di Benevento produce da secoli ottime uve per vini eccellenti ed esprime circa il 40% della superficie vitata della Campania. Se, come crediamo, “il vino si fa in vigna”, i nostri vigneti lo esprimono con ostinata determinazione: il punto di forza de La Fortezza, infatti, è costituito da un mix di qualità del terreno, esposizione, altitudine e cura della vigna.

Ecco i nostri vitigni: l’Aglianico del Taburno, in quantità tale da permetterci un’accurata selezione in vigna per le diverse linee di vendita e vini di altissimo pregio come la Riserva, le cui uve provengono da una vigna di circa 70 anni di età; la Falanghina del Taburno, la cui esposizione dei vigneti ci garantisce un risultato ottimale in termini di grado zuccherino, profumi e acidità del vino senza dover fare ricorso a tagli in fase di lavorazione; il Greco e il Fiano, che per il momento selezioniamo in esterno, imponendo un severo e meticoloso disciplinare di coltura ai produttori. Nella parte superiore della cantina, interamente rivestita in pietra e ben integrata nel paesaggio circostante, una Villa ed ampi spazi aperti destinati prevalentemente a prato offrono una vista stupenda verso l’Appennino che separa la Campania dalla Puglia.

Con orgoglio segnaliamo i nostri fiori prodotti. Per la Linea Classica: Aglianico del Taburno Riserva DOCG, Aglianico del Taburno DOCG, Falanghina Sannio-Taburno DOC, Fiano e Greco Sannio DOC, Piedirosso DOC, Aglianico Rosato DOCG. Per la Linea giovane: Aglianico, Fiano, Greco e Falanghina IGT Beneventano. Per i Frizzanti e Spumanti (Falanghina e Aglianico Frizzante, Falanghina Brut Metodo Charmat lungo “Maleventum”, Spumante Extra dry di Falanghina “Oro del Marchese”, Spumante Extra dry “Selfiebrut” da blend di uve bianche), Grappa di Aglianico anche in barrique, Liquore a base di Grappa affinata alla Camomilla e Limoncello.

La XVIII edizione del Concorso Enologico Internazionale Città del Vino ha tributato una Medaglia d'Oro al Riserva di Aglianico Enzo Rillo 2011 Aglianico del Taburno DOCG e una d'Argento al Taburno Falanghina del Sannio DOP 2018 nella sezione Premio Speciale Sannio Falanghina Città Europea Vino 2019. Il primo si caratterizza all’olfatto per note di frutti rossi, spezie dolci, leggero fumé, accenni di chiodi di garofano, cuoio e tabacco, mentre al palato rivela tutto il calore dell’alcool e il velluto della trama tannica. Il secondo, dal colore giallo paglierino con riflessi verdognoli, presenta aroma fresco con note di agrumi e fiori bianchi, spiccata acidità ma allo stesso tempo buon equilibrio e profumo.