“Un Tartufo per la Pace 2019” va alla Croce Rossa Italiana

“Un Tartufo per la Pace 2019” va alla Croce Rossa Italiana


Ultimo week end della Mostra Mercato del Tartufo Bianco delle Crete Senesi a San Giovanni d’Asso

A ricevere il premio sarà Franca Caporali Vaglio, da sessanta anni volontaria della Cri al servizio dei più deboli

il premio “Il Tartufo della Solidarietà” sarà assegnato al gruppo musicale ed artistico internazionale “Gen Rosso” nato all'interno dell'esperienza dei Focolarini

Ultimo week end con la Mostra Mercato del Tartufo Bianco delle Crete Senesi a San Giovanni d’Asso caratterizzato, come da tradizione, dall’assegnazione del premio internazionale “Un Tartufo per la Pace”. Il premio viene conferito ad organizzazioni o personaggi ‘di eccellenza’ che si sono distinti per l’impegno nella difesa dei diritti fondamentali delle persone.

Quest’anno il riconoscimento va alla Croce Rossa Italiana ed ad una delle sue storiche volontarie, la grossetana Franca Caporali Vaglio che esattamente sessanta anni fa, nel 1959, si metteva al servizio della Cri.

 “Abbiamo pensato a Franca Caporali Vaglio – spiega il Vicesindaco di Montalcino, Angelo Braconi - Per la sua vita spesa in silenzio aiutando i più deboli in tante zone sensibili del mondo anche a rischio della propria vita. Un esempio per tutti noi in tempi come questi dove è sempre più difficile riconoscere i valori della solidarietà e della cooperazione”.

Il premio Un Tartufo per la Pace” viene conferito ad organizzazioni o persone  ‘di eccellenza’ che si sono distinte per l’impegno nella difesa dei diritti fondamentali delle persone. La cerimonia si svolge il pomeriggio di domenica 17 novembre, alle 17,30 nella Sala del Camino.

In Italia operano circa 150mila volontari della Croce Rossa Italiana, più altri 30mila appartenenti alle componenti ausiliarie delle forze armate. Nata dall'intento di portare soccorso senza discriminazioni ai feriti sui campi di battaglia, la Croce Rossa, in campo internazionale e nazionale, si adopera per “prevenire e lenire in ogni circostanza le sofferenze degli uomini, per far rispettare la persona umana e proteggerne la vita e la salute; favorisce la comprensione reciproca, l'amicizia, la cooperazione e la pace duratura fra tutti i popoli”.

La signora Franca Caporali Vaglio ha lavorato dieci anni in Africa e partecipato a numerosi missioni internazionali Italiana in Romania, a Sarajevo, in Kosovo, in Albania e a Baghdad. Da anni si dedica all’insegnamento, nella sua vita  ha organizzato più di 400 corsi, formando oltre 8.000 persone nei temi dell'educazione sanitaria e del primo soccorso.

Insieme a quattro medici della Croce Rossa, nel marzo del 1997, durante  una missione a Valona, venne presa in ostaggio da terroristi albanesi e liberata dopo breve tempo dall’aeronautica militare italiana. Franca non si perse d’animo e non si fece condizionare da quella brutta esperienza tornando con umiltà e dedizione alle sue opere di bene.

Sabato 16 novembre, alle ore 17, nella Sala del Camino del castello di San Giovanni d’Asso, sarà assegnato il premio “Il Tartufo della Solidarietà” che va al gruppo musicale ed artistico internazionale “Gen Rosso”. Il gruppo, attivo dal 1966, nasce all'interno dell'esperienza dei Focolarini da un’idea della sua fondatrice Chiara Lubich e vuole diffondere il messaggio della costruzione di un mondo più giusto, pacifico, solidale e unito. Durante la sua attività ha realizzato più di 1500 concerti e spettacoli, tour in 53 nazioni, 81 album e oltre 4 milioni di spettatori.

La Mostra mercato di San Giovanni d’Asso offre ancora il week end del 16-17 novembre per degustare, acquistare, conoscere e anche cercare direttamente questo prezioso fungo ipogeo. Insieme al tartufo bianco delle Crete Senesi, i visitatori potranno conoscere e apprezzare le altre grandi eccellenze di questo territorio come l’olio extravergine di oliva, il formaggio pecorino, il vino della Doc Orcia, il Brunello di Montalcino, il miele. Dalla “cerca” del tartufo e le visite al museo a lui dedicato, al giro dei frantoi, al cibo di strada, tutto è stato pensato per condurre i visitatori all’interno di un territorio unico, ricco di tradizioni, prodotti di qualità e di una ruralità ancora genuina dove l’uomo è protagonista.

Il programma completo è sul sito www.tartufodisangiovannidasso.it. Per informazioni sul programma completo e prenotazioni contattare il 349 7504247 (segreteria organizzativa).