L’amore per la vite ed il sacrificio del lavoro

L’amore per la vite ed il sacrificio del lavoro


L’Azienda Agricola Pozzobon ha avuto origine verso il 1700 circa, come insediamento di contadini alle dirette dipendenze del Nobile Caotorta presso la campagna Paolini in Volpago del Montello, località Belvedere, ed ha sempre coltivato le viti per la fornitura del vino agli stessi nobili. Nel 1969 la Contessa Ponti Matilde, erede del nobile Antifone Caotorta, vendette buona parte della campagna Paolini all’attuale Commendator Pozzobon che da allora produce e vende direttamente i propri vini. L’amore per la vite e il sacrificio del lavoro è senza dubbio uno dei segreti della Famiglia Pozzobon. Per il prestigio della sua lavorazione Rosalio Pozzobon è stato insignito del titolo di Cavaliere, di Ufficiale e di Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Sulle colline argillose del Montello il clima è secco d’estate e rigido d’inverno e le forti pendenze (i vigneti sono ben esposti e ubicati su terreni collinari o pedecollinari) e la particolare disposizione del terreno fanno sì che la vite sia una delle poche colture che riescono a sopravvivere in questo ambiente. Una produzione limitata ma di elevata qualità, che viene mantenuta grazie anche alle pratiche arboree applicate durante la stagione vegetativa, come ad esempio il diradamento estivo dei grappoli, l’inerbimento dei filari ed una potatura drastica invernale.

Per la salute del consumatore e la salvaguardia dell’ambiente l’Azienda applica inoltre i principi della lotta guidata ed integrata, CERTIFICATA SQNPI QUALITA’ SOSTENIBILE (Sistema di Qualità Nazionale Produzione Integrata). Il risultato sono gli ottimi vini fermi della DOCG MONTELLO (Riserva del Commendator), DOCG ASOLO,  DOC Montello e Colli Asolani , Cabernet Sauvignon,  e della IGT Marca Trevigiana (Pinot Grigio e Carmenère) e gli spumanti Pale Fox Asolo Prosecco Superiore DOCG, Prosecco Frizzante ed Extra Dry DOC Treviso e Rosè Brut.

Il Premio speciale FORUM SPUMANTI Comune di Valdobbiadene del Concorso Enologico delle Città del Vino 2019 ha attribuito una  Medaglia d'Argento al Prosecco DOC 2018.