Città del Vino: il Consiglio Nazionale ricorda la figura di Paolo Benvenuti

Città del Vino: il Consiglio Nazionale ricorda la figura di Paolo Benvenuti


Un minuto di raccoglimento in memoria di Paolo Benvenuti. Così è iniziata la riunione del Consiglio Nazionale dell’Associazione Città del Vino che si è tenuta ieri, 28 gennaio, a Roma presso la sala Pio La Torre messa a disposizione dall’ANCI, l’Associazione dei Comuni Italiani.

Floriano Zambon, presidente di Città del Vino, ha ricordato con commozione la figura di Paolo Benvenuti, il ruolo che lo storico direttore ha avuto nel corso di questi trentadue anni di attività dell’Associazione e di quante siano state le idee e i progetti realizzati grazie al suo ingegno e alla sua straordinaria capacità di elaborazione. Il Consiglio Nazionale ha deciso di raccogliere proposte e idee per realizzare adeguate iniziative di carattere nazionale a ricordo di Paolo Benvenuti che saranno decise nelle prossime settimane.

Nel frattempo saranno accolte con favore tutte quelle iniziative che potranno essere realizzate a livello locale dedicate a Paolo Benvenuti, così come sta avvenendo a Tollo dove il sindaco Angelo Radica, presente alla riunione del Consiglio Nazionale, ha dato il via al primo corso di aggiornamento in wine business della neonata Wine Business School “Paolo Benvenuti” che sarà inaugurata il 31 gennaio e che concluderà a giungo il suo primo ciclo di lezioni realizzate in collaborazione con l’Università degli Studi di Teramo Il Consiglio Nazionale, nell’approvare la bozza di bilancio preventivo 2020, ha analizzato il calendario delle iniziative in programma.

Il 16 febbraio si terrà il passaggio consegne tra Sannio / Falanghina e il municipio spagnolo di Aranda De Duero nell’ambito della Città Europea del Vino che nel 2019 ha visto protagonista l’area sannita di produzione della Falanghina, in provincia di Benevento (con il coinvolgimento di ben 21 Comuni). Saranno presenti i vertici di Recevin, la Rete europea delle Città del Vino, e i rappresentanti del Comune spagnolo che per tutto il 2020 sarà protagonista di numerose iniziative promozionali.

A proposito di Città Europea del Vino, tenuto conto che il 2022 sarà l’anno in cui potrà essere assegnato il prestigioso riconoscimento ad una località italiana, il Consiglio Nazionale, dopo aver ricevuto le adesioni di candidatura, provvederà a designare la nuova Città del Vino d’Europa italiana entro l’autunno di quest’anno.

Prossimo importante appuntamento per l’Associazione è il Vinitaly che si terrà a Verona dal 19 al 22 aprile di quest’anno; anche per questa edizione è confermata la presenza istituzionale delle Città del Vino con un proprio stand all’interno del Padiglione 8 Spazio G7. In compagnia di Città del Vino saranno aziende vitivinicole che potranno qui incontrare buyer e fare comunicazione, così come i coordinamenti regionali dell’Associazione che potranno utilizzare la “piazza” delle Città del Vino per presentazioni, degustazioni, incontri.

Dopo il Vinitaly spazio al Concorso enologico internazionale Città del Vino che si svolgerà a Castelvetro di Modena, dal 4 al 7 giugno; in quell’occasione, sabato 6 giugno, si terrà l’Assemblea generale dell’Associazione per l’approvazione del bilancio e per la revisione di alcuni articoli dello Statuto e del regolamento.

Infine ribadito l’impegno per Calici di Stelle e la collaborazione con il Movimento Turismo del Vino per accrescere la partecipazione di enoturisti all’evento del vino più importante dell’estate.