Parte l’Italian Wine Tour

Parte l’Italian Wine Tour


Parte l’Italian Wine Tour, un viaggio in camper per tutto il mese di luglio, un itinerario enologico di 5000 chilometri lungo lo Stivale, che farà visita a 40 cantine italiane, in 14 diverse regioni, all’insegna della “Fiducia nel futuro del vino italiano”. 40 storie e 80 degustazioni per capire assieme ai protagonisti come sta evolvendo e dove sta andando il vino italiano.  

“Abbiamo pensato tantissimo in questi ultimi tre mesi al futuro del vino italiano e di conseguenza anche al nostro. Abbiamo affrontato questi mesi difficili ascoltando e dando voce a centinaia di aziende, raccogliendo preoccupazioni e speranze. Mai come in questi ultimi mesi ci siamo sentiti uniti a questo straordinario e complesso mondo del vino”. Parte da queste riflessioni l’Italian Wine Tour - We trust in our future che Lavinia Furlani e Fabio Piccoli, direttori della testata giornalistica Wine Meridian hanno organizzato, insieme al loro team, per fare qualcosa di tangibile, per dare un contributo ed un segnale di ottimismo in una fase di ripresa del mondo del vino italiano. 

Mettendo insieme, quindi, fiducia e amore per il viaggio in camper, è nato il progetto “Italian Wine Tour”, un viaggio che porterà i due protagonisti, insieme ai figli Anna e Biagio, per tutto il mese di luglio in 40 Cantine del nostro Paese, in 14 diverse regioni percorrendo una distanza di circa 5000 chilometri

“Sì, avete capito bene, abbiamo deciso di intraprendere un viaggio” spiegano Lavinia e Fabio, giornalisti ed esperti di comunicazione e formazione nel mondo del vino. “Ma non un viaggio come gli altri, un viaggio nella nostra Italia del vino. Ci sembra il modo migliore per testimoniare due cose per noi fondamentali: la fiducia e le relazioni. Due elementi fondamentali che forse sono quelli che più sono mancati a tutti (quindi tantissimi) coloro che hanno vissuto e stanno in parte ancora vivendo questa drammatica esperienza della pandemia”. 

Un virus che ha toccato in prima persona anche alcune aziende del vino italiano che in silenzio hanno dovuto affrontare lutti importanti. Tutte le realtà produttive del Paese sono state comunque messe a dura prova, loro direttamente e anche i numerosi clienti, a partire dai ristoratori che sono forse oggi una delle categorie più colpite in questa difficile fase. 

“Per questa ragione recuperare la fiducia e, di conseguenza, le relazioni per noi oggi appare il segnale più tangibile per voltare pagina, per andare oltre Covid-19. Non vuole essere un atto di coraggio fine a stesso. Non ci riteniamo né coraggiosi né tanto meno incoscienti ma pensiamo che oggi più che mai sia fondamentale dimostrare la vitalità del mondo del vino”, raccontano i due giornalisti. 

Potrete vivere il viaggio in diretta, giorno per giorno, senza filtri, attraverso i canali social della testata Wine Meridian: le storie di Instagram vi permetteranno di viaggiare assieme all’allegra “famiglia del vino” vivendo ogni momento della giornata, Facebook invece sarà l’occasione anche per condividere i primi approfondimenti sui vini degustati, le storie di vita e imprenditoriali dei protagonisti delle cantine visitate. Gli articoli e le video interviste sul sito del giornale permetteranno di entrare maggiormente nel dettaglio del tour, con racconti di territori, persone, prodotti che fanno del Made in Italy un’eccellenza nel mondo.