Le vie del vino italiane ed ebraiche si incontrano in Spagna

Le vie del vino italiane ed ebraiche si incontrano in Spagna


Per la prima volta nella storia degli itinerari europei, la Strada Europea del Patrimonio ebraico - Vigneti di Sefarad (Red de Juderías de España y Viñedos de Sefarad) e l'Itinerario Culturale Iter Vitis si sono riuniti a in Spagna per stringere legami e creare nuovi progetti intorno al patrimonio culturale della vite e del vino.

Oltre ai responsabili del AEPJ (Association Européene pour la Préservation du Patrimoine Juif) e della Rete Ebrei di Spagna, alla riunione hanno partecipato i rappresentanti delle Città del Vino di Portogallo e Italia e di Aenotur (l'Associazione Internazionale dell'Enoturismo), la Segreteria Generale di Iter Vitis e i comuni di Cambados e Ribadavia.

Nel corso dell'incontro, che si è svolto nella Biblioteca Ebraica di Girona, sono stati affrontati aspetti importantissimi, come la firma di un accordo di cooperazione che favorisca lo sviluppo di nuovi itinerari culturali in relazione al patrimonio ebraico e al vino, la promozione congiunta delle reti negli itinerari condivisi che si andranno a creare e il rafforzamento della formazione specifica dei giovani produttori attraverso la partecipazione della Red de Juderías de España alla visita professionale alla scoperta del vino israeliano che a fine marzo coinvolgerà quindici viticoltori e sommelier europei.

Si è parlato anche della XIV edizione de La Selezione del Sindaco, il concorso enologico internazionale organizzato dall'Associazione Nazionale delle Città del Vino con una originale formula che lega le aziende ai sindaci dei propri territori. Il concorso si terrà a Oeiras (Portogallo) dal 29 al 31 maggio e coinciderà con i festeggiamenti per il Volvo Ocean Race 2015 e altre attività culturali. Quest'anno, accanto alle categorie classiche, tra i riconoscimenti speciali (miglior vino dolce, miglior spumante, miglior vino biologico, migliore cooperativa, etc.) verrà premiato il Miglior Vino Kasher del Mediterraneo, all'interno di una speciale classifica fuori bando.

Per la Rete Ebrei di Spagna - ha dichiarato il presidente dell'Associazione Internazionale Iter Vitis e direttore generale dell'Associazione Nazionale Città del Vino, Paolo Benvenuti - questa cooperazione significa anche la possibilità di lavorare congiuntamente a livello europeo condividendo esperienze e, cosa più importante, presentare alle istituzioni europee un progetto integrato di sviluppo culturale e commerciale”.