Antica Masseria Venditti nominata Ambasciatore del Territorio della Campania sul Treno Verde di Legambiente

Antica Masseria Venditti nominata Ambasciatore del Territorio della Campania sul Treno Verde di Legambiente


Il Treno Verde, la storica campagna nazionale di Legambiente e Gruppo Ferrovie dello Stato, quest’anno cambia “declinazione” per dar vita ad un viaggio speciale dedicato all’agricoltura e all’alimentazione in vista di Expo Milano 2015. Motto di questa edizione sarà “Tornare alla terra per seminare futuro” per sottolineare l’importante ruolo che l’agricoltura di qualità e delle buone pratiche ambientali e sociali ha e potrà avere anche di fronte alle sfide future.
La Campania è la quarta regione toccata dal tour – realizzato anche grazie al patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole, Ambientali e Forestali e il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare - che fino all’11 aprile vedrà il convoglio ambientalista in giro per l’Italia: 15 tappe per far conoscere e riscoprire la bellezza e l’eccellenza dei territori, ma soprattutto per raccontare le migliori esperienze dell’agricoltura italiana di qualità in viaggio verso Expo Milano 2015, l’esposizione universale su alimentazione e nutrizione in programma dal primo maggio nel capoluogo lombardo.
La storica azienda Antica Masseria Venditti è stata uno dei cinque ambasciatori del territori della Campania sul Treno Verde di Legambiente nella tappa che si è tenuta il 10 marzo a Napoli.
L'Antica Masseria Venditti di Nicola Venditti, fin dal 1988 è dedita all'agricoltura biologica continuando a coltivare e trasformare vitigni antichi del territorio. Nel 2005 ha realizzato il primo “vigneto didattico” definito più volte “piccolo museo della biodiversità” dove è possibile conoscere i veri vitigni antichi del Sannio. Ne sono presenti 20, accuratamente scelti e selezionati da Nicola Venditti per raccontare i propri vini ma anche la storia della viticoltura del territorio. Storia e storie vissute ricche di contraddizioni, “catalogazioni forzate” e forse poco conosciuta dal vasto pubblico degli enoappassionati.
E poi i suoi ultimi vini, una vera sfida alla moderna enologia così come comunemente interpretata. "Assenza" è il nome di due vini biologici dell'enologo castelvenerese, che sono stati ottenuti con assenza di solfiti aggiunti, assenza di lieviti aggiunti ed assenza di enzimi aggiunti. Un prodotto unico per riscoprire sapori autentici coniugati ad una genuinità “trasparente” e certificata ampiamente riconosciuta fin dalla presentazione al Vinitaly ricevendone anche la Gran Menzione 2014.
Il centro aziendale “Isola di cultura del vino” è un piccolo museo d'impresa di Nicola Venditti, ricco di storia vitivinicola e testimonianze enologiche come il torchio di Plinio del 1595, di architettura enoica, di arte pittorica coniugate all'arte culinaria con l'annesso agriturismo “Donna Lorenza, cuoca per arte e vino per amore”. Un ottimo motivo per scegliere e visitare l'azienda a Castelvenere in Via Sannitica 120.
Info su www.venditti.it