Bolzano si tinge di musica con il Bolzano Festival Bozen

Bolzano si tinge di musica con il Bolzano Festival Bozen


Un'estate all'insegna della musica, quella bolzanina: 500 musicisti provenienti da tutto il mondo, 30 concerti di classica con i migliori interpreti internazionali e gli strumentisti più promettenti d'Europa.

Dal 28 luglio al 5 settembre nell'ambito del Bolzano Festival Bozen, il capoluogo altoatesino si trasforma in una vera e propria fucina della musica.

“Musica e Gioventù” è il binomio inossidabile destinato a rimanere negli anni il fil rouge del festival, che unisce i concerti sinfonici della European Union Youth Orchestra (16.08 e 21.8)edella Gustav Mahler Jugendorchester (19.08 e 30.8),le prestigiose orchestre giovanili che hanno scelto Bolzano come loro città di residenza, e gli appuntamenti sinfonici e cameristici dell’Accademia Gustav Mahler (31.7; 1.7, 2.7, e 3.8),all’approccio sperimentale e ricco di contaminazioni alla musica barocca della rassegna Antiqua (30.7; 1.8, 6.8, 10.8, 14.8, 15.8 e 31.8; 5.9). A fine agostoil mondo della classica guarderà con suspense alle finali della 60.ma edizione del Concorso Pianistico Internazionale Ferruccio Busoni (26.8 - 4.9), quando 27 talenti del pianoforte under 30 si sfideranno per conquistare l’ambito Primo Premio, riconoscimento raramente assegnato.

 

 Ecco il programma completo:

 

ORCHESTRE, MUSICA E GIOVENTÙ   28.7 - 30.8

L’immancabile appuntamento inaugurale nel parco delle Semirurali vedrà protagonista l'Orchestra Haydn diretta da Roberto Molinelli. Oltremodo accattivante il programma di questo concerto sinfonico gratuito che quest'anno sarà incentrato sulla musica per il cinema (28.7).

Solo pochi giorni dopo, Clemens Hagen, indiscusso artista del violoncello e Daniel Harding, vero e proprio erede di Claudio Abbado, che torna a Bolzano per il secondo anno consecutivo, accompagneranno i giovani virtuosi dell’Orchestra dellAccademia Gustav Mahler alla scoperta del toccante Concerto per violoncello in la minore di Schumann, e della sua celebre Sinfonia n.2 in do maggiore (31.7).

La European Union Youth Orchestra e la Gustav Mahler Jugendorchester, le due orchestre giovanili più quotate a livello internazionale, scandiranno musicalmente la seconda parte dell’agosto bolzanino. Guidata da Xian Zhang, direttrice musicale dell'Orchestra Sinfonica milanese Giuseppe Verdi, la EUYO dedicherà il primo concerto a ?ajkovskij. Solista al violoncello la statunitense Alisa Weilerstein (16.8). Il secondo appuntamento affiancherà tre celebri arie d'opera di Giuseppe Verdi, interpretate dalla giovane soprano Erika Grimaldi, alla Sinfonia n.5 di Gustav Mahler, diretta da Gianandrea Noseda (21.8).

La GMJO ha scelto un maestro dal carisma e dall’esperienza di Herbert Blomstedt per suoi concerti interamente dedicati alle grandi opere sinfoniche: l'Ottava di Bruckner, la Sinfonia n.39 di Mozart e la celebre Sinfonia n. 9 “Dal Nuovo Mondo” diAntonin Dvorak(19 e 30.8)

 

ANTIQUA, FRONTERAS   30.7 - 5.9

I principali artisti che compongono il cartellone della nuova edizione di Antiqua, rassegna dedicata alla musica antica, hanno fatto della rottura e dell’attraversamento delle frontiere culturali e artistiche la loro filosofia. E’ il caso del celebre quanto irriverente e innovativo ensemble inglese Red Priest che inaugurerà la rassegna con il suo ultimo progetto Handel in the Wind (30.7). Su questa linea si colloca anche l’ultimo appuntamento del festival: protagonista l’Orquesta de las Misiones Guaraníes, programma di formazione sulla tradizione del barocco che opera in una macro-regione sudamericana, che si dedicherà ai compositori gesuiti presenti in Sud America a cavallo del 17? e 18? secolo (5.9). Il tema della musica delle missioni sarà affrontato anche dall’ensemble Trifolium assieme alla soprano Mar Codina e alla danzatrice Isabel Sánchez Prieto (6.8).

Ritornando alle eccellenze del “vecchio continente” Jos Van Immerseel, uno dei più importanti pianisti e direttori degli ultimi vent’anni, dirigerà l’Accademia di Musica Antica di Brunico in un programma tutto beethoveniano eseguito con strumenti dell’epoca (1.8) e una raffinata artista come Marina Bartoli, sarà accompagnata dall’Orchestra Barocca di Venezia, in un concerto interamente dedicato a Vivaldi (10.8). Il consueto appuntamento organistico, affidato a Gustav Auzinger si sdoppierà (14 e 15.8), mentre il Duo Quintana formato da Kate?ina Ghannudi all’arpa barocca e voce e Ilaria Fantin all’arciliuto, oud e percussioni, condurrà il pubblico a respirare arie e atmosfere mediterranee.

www.antiquabz.it

 

ACCADEMIA GUSTAV MAHLER, SCHUMANNFEST   1 - 3.8

Al mondo intimo e poetico del compositore romantico Robert Schumann è dedicata la 17° edizione dei Corsi di Alto Perfezionamento dell’Accademia Gustav Mahler che rinnova quest’anno la fortunata formula adottata nella passata edizione, anticipando i corsi a luglio e implementando ulteriormente la presenza di docenti di richiamo internazionale. Un percorso didattico sempre più apprezzato nel mondo, basti pensare al sempre crescente numero di richieste di ammissione ai Corsi registrate dalle ultime edizioni. Daniel Harding, Clemens Hagen, Alexander Lonquich, David Watkin, Volker Jacobsen, Marco Postinghel, Alois Posch così come le prime parti della Mahler Chamber Orchestra, lavoreranno a questo repertorio con i loro giovani colleghi e in parte lo eseguiranno insieme in diversi concerti. Il grande appuntamento sinfonico dell’Orchestra dell’Accademia dedicato al Concerto per violoncello in la minore di Schumann e alla sua celebre Sinfonia n.2 in do maggiore, conferma la presenza di una personalità come Daniel Harding sul podio, affiancato da un artista del violoncello quale Clemens Hagen (31.7). La festa dedicata a Schumannproseguirà con tre appuntamenti cameristici, come sempre a ingresso gratuito e in orari e luoghi differenti della città: nella chiesa di San Giovanni in Villa (1.8), a Palazzo Mercantile (2.8) e nella sala polifunzionale del Centro culturale di Piazza Nikoletti (3.8).

www.accademiamahlerbz.com

 

60° CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE FERRUCCIO BUSONI, FINALI   26.8 – 4.9

E’ tra i più ambiti riconoscimenti del pianismo internazionale. Oltre a distinguersi per gli elevati criteri qualitativi e interpretativi con cui vengono valutate le personalità artistiche dei concorrenti, il Concorso Pianistico Internazionale Ferruccio Busoniè una delle realtà più longeve e influenti della scena musicale mondiale. Fondato nel 1949 a Bolzano da Cesare Nordio, illuminato direttore del Conservatorio C. Monteverdi, il Concorso Busoni inaugurerà il 26 agosto le fasi finali della sua 60° edizione.

La giuria che avrà il compito di individuare - tra i 27 concorrenti ammessi alle fasi finali - il fuoriclasse degno di essere insignito del Primo Premio, riconoscimento raramente assegnato, è composta da 10 Premi Busoni che rappresentano le più importanti scuole pianistiche degli ultimi decenni. A presiederla sarà l’austriaco Jörg Demus, Premio Busoni nel 1956, una carriera decollata a seguito della vittoria del concorso che l’ha condotto a esibirsi in tutto il mondo. La giuria annovera inoltre lo statunitense Jerome Rose, il brasiliano Arnaldo Cohen e il tedesco Robert Benz. Ad essi si affiancano Boris Bloch, i canadesi Catherine Vickers, e Louis Lortie, la pianista russa Lilya Zilberstein, l’italiano Roberto Cominati, Alexander Kobrin e la cinese Zhu Xiao-Mei. Tra i 27 candidati che ambiranno al conquistare il primo premio, nutrito il numero di italiani pari a 10, seguiti da quelli coreani che sono 4. Germania e Inghilterra contano 2 concorrenti ciascuno, mentre significativamente ridotta rispetto alle ultime edizioni è la rappresentanza russa e cinese, che presenteranno un candidato alle finali, proprio come il Portogallo, il Canada, l’Austria, il Giappone, il Belgio, l’Ucraina e gli Stati Uniti.

Sarà l’Orchestra Haydn¸ diretta da Marco Parisotto e Arvo Volmer, ad accompagnare i candidati nelle prove finali con orchestra. La finalissima sarà trasmessa su Rai Südtirol e in diretta su Rai Radio 3.

www.concorsobusoni.it

 

BFB Plus

Seil motto "musica e gioventù" del Bolzano Festival Bozen riunisce l'eccellenza delle rassegne musicali della città, il BFB Plus è un ciclo di iniziative e concerti straordinari di diverse realtà ormai affermate a livello locale ed europeo. Si passa così dai concerti dell'Accademia d'archi di Bolzano diretta da Georg Egger e affiancata da Serge Zimmermann al violino (13.8), al progetto culturale innovativo della Theresia Youth Baroque Orchestra, diretta da Chiara Banchini (22.8), fino a giungere all’imperdibile concerto degli ensemble di giovani talenti della GMJO al Parkhotel Laurin (15.8).

Di BFB Plus fanno parte due manifestazioni volte a far incontrare la musica e i musicisti con la città: Piazza Walther, il salotto di Bolzano, ospiterà “Spazio Klassik”, una piattaforma di incontro tra pubblico e orchestrali fuori dalle sale da concerto, per conoscere l'affascinante mondo della musica classica eseguito e commentato direttamente dagli interpreti. Un'occasione imperdibile promossa dal Bolzano Festival Bozen e dalla EUYO, in collaborazione con la Facoltà di Design e Arti della Libera Università di Bolzano (17-20.8.

In concomitanza con le finali del Concorso Busoni, si svolgerà la terza edizione dell’iniziativa “Gallerie dei Talenti”, che trasformerà le gallerie commerciali del centro storico di Bolzano in palchi eccezionali per i giovani pianisti allievi degli istituti musicali del Trentino-Alto Adige, chiamati a cimentarsi in brani del repertorio pianistico per la gioia e il diletto dei passanti (31.8-4.9).

 

Abbonamenti e biglietti per la lunga estate in musica del Bolzano Festival Bozen sono acquistabili presso le Casse del Teatro Comunale di Bolzano (T 0471 053800) aperte secondo i seguenti orari: da martedì al venerdì 11 – 14 e 17-19. Sabato 11 -14. I ticket sono acquistabili online sul sito www.teatrocomunale.bolzano.it

www.bolzanofestivalbozen.it