Montefalco, torna la Madonna della Cintola

Montefalco, torna la Madonna della Cintola


Dopo 167 anni la preziosa Pala della “Madonna della Cintola” è tornata a Montefalco (Perugia), grazie alla collaborazione tra enti pubblici e aziende private. L’opera, dipinta da Benozzo Gozzoli, allievo prediletto del Beato Angelico, può essere ammirata nel suo splendore originale grazie al restauro sostenuto tramite un protocollo d’intesa tra Comune di Montefalco, Consorzio Tutela Vini Montefalco, Sistema Museo e Club dei Lions di Foligno. L’intervento di restauro è stato eseguito presso i laboratori dei Musei Vaticani.

+++
Dopo 167 anni la preziosa Pala della “Madonna della Cintola” torna a Montefalco per ricongiungersi al prezioso ciclo degli affreschi che il Maestro Benozzo Gozzoli realizzò nella Chiesa di San Francesco. Fino al 30 dicembre 2015 il Complesso museale di San Francesco ospita la mostra “Benozzo Gozzoli. La Madonna della Cintola”.

Questa importante operazione culturale è stata possibile grazie alla sinergia vincente tra pubblico e privato. La Madonna della Cintola può essere ammirata nel suo splendore originale grazie al restauro sostenuto tramite un protocollo d’intesa sottoscritto dal Comune di Montefalco, dal Consorzio Tutela Vini Montefalco, da Sistema Museo e dal Club dei Lions di Foligno. L’intervento di restauro, che ha richiesto quattro mesi di lavoro intenso, è stato eseguito presso i laboratori dei Musei Vaticani.

La mostra è stata realizzata con il sostegno della Regione Umbria, della Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno, della Camera di Commercio di Perugia e dell’Accademia di Montefalco, con il contributo di Fabiana Filippi e Casse di Risparmio dell’Umbria. La produzione è affidata a Sistema Museo, mentre il catalogo, edito da Silvana Editoriale, è a cura di Adele Breda.

 

Bellezza, armonia spirituale e mistica poesia regnano sovrane nelle opere di Benozzo Gozzoli a Montefalco. La straordinaria esposizione sarà un incontro emozionante tra la Pala (dipinta per la chiesa di San Fortunato) e gli affreschi sempre di Benozzo nella chiesa di San Francesco. Qui dominano nell’abside le  “Storie della Vita di San Francesco”. In uno degli episodi, Gozzoli ritrae San Francesco che benedice la città di Montefalco: lo sfondo rurale ricalca l'importanza della coltivazione della vite per la città. Sempre nell’abside, Benozzo alludeva forse al Sagrantino dipingendo la tavola imbandita con il vino rosso sulla mensa del cavaliere da Celano.

GUARDA IL VIDEO PROMO DELLA MOSTRA: https://www.youtube.com/watch?v=TXvfRSbOfnM

SITO WEB DEL MUSEOwww.museodimontefalco.it
Cs vino e cultura mostra montefalco benozzogozzoli
Intervento consorzio vini montefalc