Lo sviluppo sostenibile della Barbera d’Asti

Lo sviluppo sostenibile della Barbera d’Asti


Saranno i locali dell’Enoteca di Nizza ad accogliere una delegazione UNESCO, giunta sul territorio per discutere con il Consorzio della Barbera d’Asti di gestione del territorio, tema centrale del Terzo Forum Mondiale dello Sviluppo Economico Locale.



È presso i locali de La signora in rosso, storico ristorante di Nizza Monferrato, che il Consorzio della Barbera d'Asti e e vini del Monferrato, in collaborazione con il Centro Studi Silvia Santagata di Torino, accoglierà venerdì 16 ottobre una delegazione internazionale di manager UNESCO, per confrontarsi assieme circa le politiche di valorizzazione del territorio monferrino, tema centrale del terzo Forum Mondiale dello Sviluppo Economico Locale, che negli stessi giorni è ospitato a Torino.

 

"La possibilità di accogliere presso di noi una delegazione così prestigiosa, ci ripaga degli enormi sforzi che quotidianamente facciamo per preservare il nostro territorio - dice Filippo Mobrici, Presidente del Consorzio di tutela -. Non dobbiamo scordarci infatti che è merito soprattutto della tenacia dei produttori di Barbera d'Asti se il fascino di queste colline è tale da elevarle al rango di patrimonio universale".