Valdobbiadene: giovani degustatori in pista per promuovere il Prosecco Docg

Valdobbiadene: giovani degustatori in pista per promuovere il Prosecco Docg


I "Degustatori di Valdobbiadene", associazione di giovani imprenditori vitivinicoli presieduta da Gianni Lucchetta, ha intrapreso una serie di iniziative per promuovere il Valdobbiadene Docg e offrire ai produttori nuove occasioni di incontri e di approfondimento. L'ultimo evento si è tenuto lo scorso 28 febbraio presso la cantina Cà Salina, alla presenza di Ruben Larentis, enologo delle Cantine Ferrari di Trento e personaggio di spicco dell'enologia italiana. Durante la serata enogastronomica si è tenuto un dibattito sul tema "Confronto tra Spumanti Brut di pendenza" che ha visto la partecipazione anche di Innocente Nardi, Presidente del Consorzio Tutela Conegliano Valdobbiadene DOCG e di Bernardino Zambon, Sindaco di Valdobbiadene. Nella discussione con i giovani imprenditori è emersa la volontà di continuare nel percorso di miglioramento delle pratiche viticole ed enologiche, puntando sulla cura dei dettagli e la valorizzazione del territorio, al fine di confermare il Valdobbiadene DOCG spumante di qualità ed eccellenza dell'area.

Per la degustazione, gli Chef Chiara Barisan del Ristorante Salis e Amedeo Sacco della Scuola di Ristorazione DiEffe di Valdobbiadene, hanno creato dei piatti ricercati abbinati agli spumanti delle Cantine Ferrari. Durante la prima parte dell'incontro si è tenuta una degustazione tecnica di Valdobbiadene DOCG prodotto dagli associati. Si è distinta l'Azienda Agricola Cà dei Fiori di Luca Guizzo alla quale l'enologo Ruben Larentis ha consegnato, come riconoscimento, la scultura "Madre Terra" dell'artista Roberto Merotto. (Nella foto da sinistra: Ruben Larentis, Luca Guizzo, Gianni Lucchetta).

L'associazione "Degustatori di Valdobbiadene" è stata costituita lo scorso settembre tra i giovani imprenditori vitivinicoli di Valdobbiadene e dei Comuni confinanti, con l'obiettivo di promuovere attività culturali, iniziative enogastronomiche ed incontri di degustazione itineranti nelle cantine di Valdobbiadene. Gli associati si vogliono confrontare con imprenditori di successo di altri territori a vocazione vitivinicola per sviluppare e perfezionare le loro conoscenze, contribuire a valorizzare il territorio di Valdobbiadene e i giovani che vi lavorano in tutta la filiera, chef compresi. Altro aspetto, il coinvolgimento del mondo dei giovani artisti emergenti per far conoscere le voci culturali che, in vari ambiti, si levano dal territorio.

Il primo incontro della serie si è tenuto il 26 ottobre scorso presso le Cantine Bortolomiol a Valdobbiadene alla presenza dell'enologo Mario Pojer, uno dei principali esponenti dell'enologia trentina. Gli associati si sono confrontati con lui su tematiche relative alla produzione e alla commercializzazione del vino con finalità di sviluppo territoriale, oltre che di espansione della singola azienda, con particolare interesse per le nuove opportunità e lo scambio di esperienze. Il giovane enologo Martino Tormena, titolare dell'Azienda Agricola Mongarda, come riconoscimento per essersi distinto con il proprio vino nella degustazione tecnica di vini con il fondo che ha caratterizzato la prima parte dell'incontro enogastronomico, ha ricevuto dalle mani di Mario Pojer un dipinto della piazza di Valdobbiadene del pittore Riccardo Giacomini.