A passo d'uomo nelle terre del vino

A passo d'uomo nelle terre del vino


Prima o poi doveva succedere. Riccardo Cotarella, enologo di fama internazionale, e Nino D’Antonio, scrittore e amante del buon vino, avrebbero messo a frutto la loro amicizia pubblicando, insieme, un libro. Sulle terre del vino, naturalmente. Tra i due non c’è solo un’amicizia, maturata nel tempo, ma anche una forte affinità culturale ed intellettuale, nel condividere valori e amore per le cose belle e buone. Come il vino, appunto.

Del resto Nino D’Antonio ha già scritto di Cotarella, pubblicando un ritratto del celebre enologo sempre per le stesse edizioni Ci.Vin srl, la società di servizi dell’Associazione Nazionale Città del Vino. Associazione che, di fatto, è stata l’ambito dentro la quale si è sviluppata prima la conoscenza e poi l’amicizia tra i due.

Questo libro non è solo una carrellata tra le principali denominazioni di origine del vino italiane; è piuttosto il diario di un viaggio che sia Cotarella, grazie alla sua attività professionale, sia lo stesso D’Antonio – lui soprattutto per curiosità – hanno compiuto lungo le strade del vino italiane; il titolo, infatti (A passo d’uomo nelle terre del vino), è la giusta sintesi del contenuto, un itinerario non certo didascalico bensì narrato, con notizie e commenti che molto spesso fanno riferimento all’esperienza personale, al vissuto dei due protagonisti. Senza cadere in tecnicismi ma con un linguaggio godibile anche per chi non si intende di vino ma ha voglia di imparare e scoprire quali sono le caratteristiche enologiche di un determinato territorio.

Il libro, come sottolinea anche Paolo Benvenuti, direttore dell’Associazione nazionale Città del Vino, “tiene fede al titolo, nel senso che accompagna lento pede il neofita e il curioso alla scoperta dei vini italiani, inserendoli di volta in volta nel territorio in cui nascono” e inoltre “indaga il rapporto tra il vino e l’ambiente in cui è nato e si è evoluto, dove per ambiente  s’intendono storia, arte, cultura, tradizioni, leggende, uomini e cose”.

Nino D’Antonio ha scritto per Ci.Vin oltre una decina di libri, in cui la narrazione rappresenta l’identità, la caratteristica principale del suo modo di scrivere, con il piglio del divulgatore (lui, ex docente di letteratura italiana), ruolo a cui non abdica mai, neanche durante amabili chiacchierate accompagnati da un buon bicchiere di vino.

(Paolo Corbini)

***

Riccardo Cotarella, Nino D’Antonio
A passo d’uomo nelle terre del vino
Pag. 254, cm.17x cm.24, Ci.Vin srl, ottobre 2015, € 12,00.

Info: info@cittadelvino.com