Vino alla Dogana, procedure più semplici per i produttori

Vino alla Dogana, procedure più semplici per i produttori


Semplificate le procedure burocratiche a carico dei produttori per “accompagnare” il vino alla dogana italiana. Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, infatti, comunica che è stata pubblicata sul proprio sito la circolare con cui l'Ispettorato repressione frodi (ICQRF) consente ai produttori di trasportare fino alla dogana italiana il vino con i documenti vigenti sul territorio nazionale.

I documenti per l'export continueranno così ad  essere predisposti direttamente in Dogana, anche in via cumulativa per più produttori o differenti prodotti, con sensibili risparmi di tempo ed economici per le imprese che esportano.

La circolare ha così risolto un problema di grande rilevanza per i produttori di vino che si era creato l'anno scorso a seguito dell'entrata in vigore delle nuove norme UE sulla circolazione dei prodotti vitivinicoli e che aveva costretto le imprese a produrre nuova documentazione per i prodotti da esportare già all'uscita della cantina.

"Si tratta di un ulteriore passo in avanti verso la semplificazione delle procedure che gravano sui nostri produttori" ha commentato il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina. "Il sostegno all'export è un obiettivo che dobbiamo perseguire anche con provvedimenti come questo".