Azienda Agricola Cascina Palazzo Rosso

  • Telefono: +39 334 3460650
  • Sitoweb: Azienda Agricola Cascina Palazzo Rosso
  • Sede Amministrativa
    Strada Statale Bra-Alba Via Borgo S. Martino, 31 12060 Pocapaglia (Cuneo) Italia
  • Descrizione

    Immersa nel verde immenso della sua tenuta, Cascina Palazzo Rosso vanta origini antichissime. Fu costruita nel lontano 1627 per volere del Conte Romagnano, che scelse appositamente questo territorio perché più idoneo alla vitivinicoltura. I lievi pendii, tipici del Roero, sono infatti dislocati in modo da consentire una completa esposizione al sole e facilitare lo sgrondo delle acque piovane, caratteristiche principali per ottenere una straordinaria maturazione dell’uva.

    Il nome della cascina è reso famoso anche dai gloriosi ricordi delle visite che il sovrano piemontese Vittorio Emanuele III compiva frequentemente attratto dall’impareggiabile delizia dei suoi vini, frutto di uve selezionate e di un’amabile lavoro svolto con amorosa cura. L’attività si è tramandata nei secoli fino a giungere nelle mani della famiglia Giachino agli inizi del ‘900 prima con la vendita delle uve ad opera del nonno Francesco e poi, a partire dagli anni ’60, con la produzione del vino ripresa dal figlio Antonio. Oggi è la terza generazione della famiglia Giachino a condurre l'azienda: i fratelli Monica e Daniele.

    I vigneti, che si estendono per 25 ettari su una zona prettamente collinare, sono stati completamente reimpiantati nel rispetto dell’ambiente e degli antichi metodi di coltivazione e da quest’anno il Nebbiolo, il Dolcetto, la Barbera, l’Arneis e lo Chardonnay hanno tutti la certificazione bio.

    L’Azienda ha esordito per la prima volta all’edizione 2018 de La Selezione del Sindaco per presentare in una vetrina di prestigio le sue migliori bottiglie, in particolare la DOC Nebbiolo d'Alba Sturcignot 2015 che si è meritata una Medaglia d’Oro. Ma anche le altre etichette (Barbera d'Alba Feudo Antico DOC del 2016, Montalbano Roero Arneis DOCG del 2017, Langhe Chardonnay Nohereto DOC del 2016) hanno ottenuto un ottimo punteggio. Lo Sturcignot - che con l’annata 2010 ha vinto il premio nazionale Douja d’Or 2012 e il premio internazionale Mundus vini Germania e con l’annata 2012 la medaglia d’Argento al Decanter Wine Award - è un vino di colore intenso con tonalità rubino e riflessi granato e un profumo caratteristico, delicato e persistente che ricorda la viola, la ciliegia e una piacevole speziatura. Secco e deciso, di buon corpo, bilanciato nei tannini, vellutato e armonico, bene si accompagna con piatti di carne, selvaggina e formaggi stagionati.

    News

    “Naturae et Purae”: naturalità e purezza del vino
    I Giardini di Castel Trauttmansdorff per la seconda volta ospiteranno l’8 novembre, nella storica sala Deu ...
    continua »
    Appassimenti Aperti, viaggio nelle Marche alla scoperta della Vernaccia Nera
    Un vitigno antico coltivato esclusivamente in una piccola area nell’entroterra di Macerata e la magica atmosfera dell’ ...
    continua »
    La notte degli alambicchi accesi
    Da ormai più di dieci anni, il Ponte dell'Immacolata rappresenta una imperdibile occasione per visitare il caratt ...
    continua »