Azienda Agricola Paterno

  • Telefono: +39 0827 71473
  • Sitoweb: Azienda Agricola Paterno
  • Sede Amministrativa
    Via Fornaci 83052 Paternopoli (Avellino) Italia
  • Descrizione

    La Cantina risale al termine del ‘700, dedita alla produzione e al commercio del vino diffuso nelle varie taverne e osterie esistenti lungo la via regia che da Napoli portava alle Puglie ed inoltre trasportato a Napoli, capitale del regno Borbonico. Sul finire dell’’800 con l’arrivo della ferrovia si aprirono nuovi mercati sia italiani che di esportazione verso le Americhe, attraverso le navi mercantili. A quei tempi l’Azienda trasportava il vino, con numerose coppie di muli da soma, verso i treni merci stazionati presso la stazione ferroviaria di Paternopoli.

    La passione per il lavoro e il continuo aggiornamento tecnologico la rende oggi una realtà all’avanguardia, capace non solo di innovare ma anche di conservare tradizioni, gusto e sapore.

    I vigneti, coltivati nell’area di grande rinomanza enologica dell’Aglianico DOCG, rappresentano un estratto dell’enorme varietà e complessità di profumi e caratteristiche che il territorio riesce ad esprimere.

    Una parte del prodotto viene destinato all’imbottigliamento (vino novello da tavola) e un’altra parte all’invecchiamento in botti di rovere. Una piccola porzione dei terreni vitati è riservata alla coltivazione di uve bianche, che sono vinificate ed imbottigliate come bianco da tavola e come Irpinia DOC.

    La XVII edizione della Selezione del Sindaco ha premiato con una Medaglia d’Oro il Macchia d'Angelo Taurasi DOCG del 2014 e l’Irpinia Falanghina DOC del 2017. Il primo è ricavato al 100% da uve di Aglianico, adatte ai suoli collinari di origine vulcanica che conferiscono note di forte mineralità. La macerazione per circa 14 giorni, starter di lieviti autoctoni e malolattica svolta completamente e affinamento in legno di rovere francese per 12 mesi danno vita ad un rosso speziato al naso e fresco in bocca, ma molto complesso, longevo e possente. Consigliato con primi piatti al sugo di carne, selvaggina da piuma in casseruola, carni rosse arrosto, formaggi a pasta dura stagionati. La seconda nasce da Falanghina in purezza, un vitigno di grande adattabilità ai terreni collinari di origine prevalentemente vulcanica ma anche argilloso-calcareo. La pigiatura soffice, di grappoli interi con illimpidimento statico, e la fermentazione condotta anche con starter di lieviti autoctoni regalano al bianco una carica aromatica di melone e pera, molto floreale al naso e fresco in bocca ma assai complesso. Da abbinare con antipasti e primi di pesce e preparazioni a base di verdure.

    News

    Il Palio Nazionale delle Botti delle Città del Vino per la prima volta in Calabria.
    L’Associazione Culturale Magna Grecia di Bianco, presieduta da Giovanni Daniele, ha organizzato una tappa all’interno ...
    continua »
    Nuovi corsi AIS Veneto: cresce la passione per il vino
    I Sommelier AIS Veneto sono sempre più numerosi e l'associazione si prepara a festeggiare un altro traguardo impo ...
    continua »
    Anfore in cantina?
    Vanno sempre più di moda, ma nessuno ancora sa quali effetti producano realmente sul Vino: anfore di terracotta e contenito ...
    continua »