Armonie senza Tempo

Armonie senza Tempo


Successo per la terza edizione milanese di Armonie senza Tempo
Il Lugana ammalia Milano

Circa cinquecento persone lo scorso 17 settembre
al Museo della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci”
per scoprire le mille sfumature del vino simbolo del Lago di Garda


A questo link è disponibile una selezioni di immagini

Grande successo di pubblico per la terza edizione milanese di “Armonie senza Tempo”, l’evento che, dopo i Chiostri di Sant’Eustorgio (2019) e il Superstudio Più (2020), ha portato negli affascinanti spazi del Museo della Scienza e Tecnologia “Leonardo da Vinci” oltre cinquanta vignaioli per promuovere la conoscenza del vino Lugana, la prima DOC riconosciuta in Lombardia e una tra le primissime in Italia.

Cinquecento i visitatori (fra giornalisti, professionisti ed enoappassionati) che hanno potuto scoprire, grazie alle oltre cento etichette in degustazione, l’inconfondibile personalità di un vino unico che sa coniugare il proprio animo profondamente territoriale con un’immediatezza molto moderna.
Prima del wine tasting accessibile al pubblico (organizzato in due turni a numero chiuso nel rispetto dei protocolli anti Covid ed entrambi sold-out), operatori, giornalisti e blogger hanno partecipato a una masterclass di approfondimento guidata dal Presidente del Consorzio Ettore Nicoletto e dal giornalista Luciano Ferraro (caporedattore centrale del Corriere della Sera) che ha condotto la degustazione delle cinque tipologie di Lugana.
A partire dalle ore 18, l’apertura del banco di assaggio per gli eno-appassionati che hanno potuto degustare i vari Lugana proposti in abbinamento ad alcuni assaggi di prodotti tipici del territorio.

“Lugana Armonie Senza Tempo” ormai è diventato un appuntamento sempre più importante per noi, poiché affermare e far conoscere l’identità del Lugana è una priorità – afferma il Presidente del Consorzio Ettore Nicoletto. “Mettere al servizio del pubblico la competenza degli esperti e dei vignaioli è sicuramente il modo migliore per narrare il variegato racconto del Lugana. Per questo, anche in un momento così particolare, sentiamo la necessità di incontrare le persone, poiché il nostro compito è quello di far conoscere un prodotto che, per eccellenza, è il simbolo della convivialità”.

Anche quest’anno “Lugana Armonie senza Tempo” ha offerto la possibilità di scoprire o approfondire un territorio magnifico, che dista solo pochi chilometri da Milano, attraverso il suo vino simbolo, vera e propria gemma enologica di qualità con una lunga storia da raccontare.