“Migliore cantina green d’Italia”: Le Carline di Pramaggiore (VE)

“Migliore cantina green d’Italia”: Le Carline di Pramaggiore (VE)


Impronte d’eccellenza. Tecniche agronomiche sostenibili per una viticultura di valore”: questo l’ambitissimo premio, promosso da Città del Vino e Cifo e conseguito da Le Carline, forte sostenitrice di una viticoltura attenta all’ambiente. Negli ultimi anni ha aderito con entusiasmo al progetto “Winezero”, finanziato nell’ambito della misura 124 del PSR della Regione Veneto, che ha consentito di misurare l’impronta carbonica di tutta la filiera vitivinicola per dimostrare che, nell’ambito delle emissioni di gas ad effetto serra, si può parlare di viticoltura conservativa e sostenibile attuando le opportune scelte agronomiche. Grazie alle informazioni raccolte l’Azienda è in grado di mettere in atto soluzioni comportamentali e operative tali da ridurre ulteriormente le emissioni di CO2 nei vari ambiti e procedure aziendali: in vigneto, in cantina, nei trasporti, nell’approvvigionamento dell’energia elettrica (da anni è totalmente autosufficiente grazie ad un impianto fotovoltaico) e nelle infrastrutture. La produzione è dotata di certificato di conformità BIO e VEGANO rilasciato da ICEA - Istituto per la Certificazione Etica ed Ambientale, l’ente che si occupa della sicurezza delle produzioni, la trasparenza del mercato e la salute dei consumi. Le Carline considera infatti l’adesione ai protocolli dell’agricoltura biologica e di qualità un punto imprescindibile della propria attività con il duplice scopo di offrire un prodotto sano ai propri consumatori e di migliorare costantemente i propri standard aziendali. Insieme ad altre aziende vitivinicole venete ha inoltre ideato il “Piano integrato di promozione e informazione del vino veneto biologico nel mercato dei Paesi Terzi (Organic Wine Venice)”, che si inserisce tra le attività supportate dalla Regione Veneto e dal Ministero per le Politiche Agricole per la promozione del vino all’estero. Il programma prevede di coinvolgere esclusivamente vini provenienti da agricoltura biologica e ottenuti da vitigni autoctoni e di antica coltivazione. Ha infine ottenuto dall’ente OFDC la certificazione biologica cinese, che ha richiesto un’ispezione molto approfondita da parte di un tecnico cinese incaricato di valutare attentamente i processi di coltivazione e di produzione analizzando la gestione del vigneto e della cantina. 7 (di Alessandra Calzecchi Onesti)

 

  

CANTINE GREEN AD ALTO VALORE AMBIENTALE

UNA SFIDA PER IL FUTURO CHE PER MOLTE AZIENDE ITALIANE È GIÀ REALTÀ

PROGETTI DI VITICOLTURA SOSTENIBILE NEL MONDO E IN ITALIA

“LA CARBON FOOTPRINT DEL VINO”:CANTINA SALCHETODI MONTEPULCIANO (SI)

“LA BIOARCHITETTURA IN CANTINA”: CANTINA LA SERENA DI MONTALCINO (SI)

“COLTIVARE ENERGIA”: MARCHESI GINORI LISCI DI PONTEGINORI (PI)

“MIGLIORE CANTINA GREEN D’ITALIA”: LE CARLINE DI PRAMAGGIORE (VE)

“VALORI SOCIALI, ETICI E AMBIENTALI IN OGNI FASE DELLA FILIERA”: MASI AGRICOLA S.P.A. DI SANT'AMBROGIO DI VALPOLICELLA (VR)

“ARCHITETTURA IN ARMONIA CON LA NATURA: KELLEREI BOZEN”:CANTINA PRODUTTORI BOLZANO (BZ)