Diamo il benvenuto alla Pro Loco di Monteleone d'Orvieto

Diamo il benvenuto alla Pro Loco di Monteleone d'Orvieto


L'Associazione dà il benvenuto ad un nuovo socio sostenitore, l’Associazione Turistica Pro Loco di Monteleone d'Orvieto (TR), parte integrante dell’Alto Orvietano, un territorio di straordinaria bellezza dal punto di vista paesaggistico e di notevole interesse storico, artistico, architettonico e culturale. Fondata nel 1965, la Pro Loco è un ente no profit si occupa della promozione turistica del Comune di Monteleone d’Orvieto, che nel 2020 è entrato a far parte del circuito "I Borghi più belli d'Italia". Nel corso della sua storia ha sempre collaborato con le istituzioni, le associazioni locali e i cittadini, organizzando direttamente e collaborando attivamente a numerose iniziative di carattere culturale, sportivo, giocoso, conviviale, tutte rivolte a dare lustro al paese.

Una delle prime attività organizzate dai fondatori fu quella di accogliere nel periodo delle ferie di agosto i paesani che, a causa delle difficili condizioni economiche e produttive erano stati costretti ad emigrare in altre città italiane o all’estero in cerca di un posto di lavoro. Molti avevano e mantennero la casa, molti avevano lasciato qui i genitori e d’estate e portavano i figli dai nonni, molti tornavano a villeggiare nel periodo di ferie, tornavano dai loro parenti, dai loro amici, al loro paese, alle loro radici. Ecco perché la manifestazione fu denominata “La Rimpatriata” e ancora oggi rappresenta il culmine delle feste paesane. Vari sono gli eventi che l’hanno caratterizzata nel corso del tempo: da manifestazioni culturali, mostre d’arte, di fotografia, a concerti e manifestazioni musicali, spettacoli teatrali e di varietà, manifestazioni sportive, serate danzanti la lotteria, la tombola, i giochi per i giovani ed i più piccoli. Con il passare degli anni si è arricchita di nuovi importanti eventi quali il Corteo Storico con Festa delli Luminarii la sera del 28 giugno alla vigilia della festa dei santi Pietro e Paolo, la Disfida tra il Nobile Casato dei Conti di Montemarte e il Casato dei Conti di Marsciano, la Tombola, la Giostra del Giglio e la Sagra degli Umbrichelli (antico piatto tipico della tradizione contadina locale). Insieme alla Sagra degli Gnocchi a giugno, alla Festa di San Lorenzo a luglio, all’evento legato ai prodotti con Denominazione Comunale (olio evo, zafferano, pera di Monteleone, umbrichelli, gnocchi, cianfragnoni all’aietto, biscotti con l’anice, biscotti di magro, fegatelli, mazzafegate, torte di Pasqua dolci e salate, pollo alla rabbiona con l’erba e torta sotto al foco) che si tiene a ottobre/novembre e al Presepe Vivente a dicembre, ogni anno queste feste riescono a catalizzare l'attenzione di migliaia di visitatori.

Molte le attrattive architettoniche e naturali di Monteleone d’Orvieto, paese dalla storia millenaria immerso nel verde delle dolci colline umbre, circondato da giardini, sentieri, boschi, fontanili e fiumi. Adagiato su un’altura a 500 metri di altezza, si affaccia su un paesaggio che spazia dal Monte Arale alla Val di Chiana fino ai monti Cetona e Amiata. Due le ipotesi intorno all’origine del nome: la prima richiama la posizione strategica e difensiva del Castello che, come un leone disteso lungo il dorso di un’altura, sovrasta la vallata sottostante, la seconda fa derivare il toponimo dal passaggio in queste terre di Papa Leone IX.