Comune di Sesto al Reghena

  • Telefono: 0434 693911
  • Fax: 0434 699500
  • Sitoweb: Sesto al Reghena
  • Socio dall'anno: 2021
  • Sede Amministrativa
    Piazza Castello, 1 33079 Sesto al Reghena (Pordenone)

Origine del nome

Quasi tutti sanno che Sesto si chiama così perché era posta alla sesta pietra miliare della strada che da Concordia portava al norico: ma Reghena da dove viene? Una delle ipotesi vuole che la radice sia “reca” che significa torrente, corso d’acqua. Via Levada non si riferisce ad una distanza, ma al tipo di percorso, sollevato rispetto all’area circostante; così fanno riferimento ad aspetti e caratteristiche ambientali Bagnarola “luogo paludoso”, Gleris “Ghiaie” e Versiola “svolta di un torrente o di una strada” e Ramuscello, posto sulle rive di un ramo antico del Tagliamento; ad altri tipi di rami, e precisamente a quelli del vinciar, si fa risalire il nome del fiume Venchiaredo. All’organizzazione del territorio rimandano altri toponimi: Giai viene da gahagi e significa “terreno o bosco riservato”: e così anche Banduzzo, che viene dal termine germanico Bandvjan “terreno bandito”, e Braidacurti. Vissignano e Marignana, infine, come tutti i nomi che terminano con il suffisso - ano, - anu - acu, derivano dal nome del padrone o del possessore del fondo.

Il Territorio

  • Num. Abitanti: 6
  • Superficie: 40,67 km²
  • Santo Patrono: Maria SS.ma Assunta - 15 agosto
  • Codice ISTAT: 093043
  • Codice Catastale: I686
  • Prefisso: 0434
  • PEC: comune.sestoalreghena@certgov.fvg.it
  • Densita: 156,03 ab./km²
  • Dati forniti da Tuttitalia.it

Amministratore

Nome
Marcello Del Zotto


Storia

L'origine di Sesto deve essere ricondotta all'epoca pre-romana, come ci confermano i numerosi reperti archeologici rinvenuti nel territorio. La romanità di Sesto è ribadita dal suo stesso toponimo: Sesto era infatti una "statio", ossia un posto militare collocato al sesto miliario della strada che collegava Concordia con il Norico. Conobbe un significativo sviluppo con la dominazione longobarda, ma fu poi piegata dalle scorrerie degli Ungheri. Nel Medioevo visse un periodo di grande splendore con l'annessione dell'Abbazia e dei suoi territori al dominio feudale del Patriarcato di Aquileia fino a quando, Venezia, invase militarmente il Friuli nel 1418. Con il trattato di Campoformido, nel 1797, si pose fine alla vita della Repubblica Veneta e nell'Ottocento il territorio di Sesto si intrecciò con le vicende del Regno Lombardo-Veneto fino all'annessione al Regno d'Italia. L'attuale denominazione di Sesto al Reghena risale appunto al 1867, quando il Friuli venne annesso all'Italia e fa riferimento al fiume Reghena che attraversa il paese.

Informazioni Turistiche

L'Abbazia di S. Maria in Sylvis (così denominata perché allora immersa in una estesa selva, dal latino "silva") venne fondata intorno alla prima metà dell’VIII sec.; nel 762 ricevette la donazione di tre nobili longobardi Erfo, Marco e Anto alla quale seguirono numerose altre. Nell'899 subì la devastante invasione degli Ungheri che la distrusse quasi completamente, ma tra il 960 e il 965 l’abate Adalberto II iniziò l'opera di ricostruzione e l'abbazia accrebbe la sua potenza non solo sul piano religioso, ma anche civile, tanto da assumere l'aspetto di castello medioevale con il suo sistema difensivo formato da torri e fossati. Dopo varie vicende la giurisdizione religiosa passò alla diocesi di Concordia (1818) e nel 1921 la Santa Sede le riconobbe di nuovo il titolo di "Abbazia".

Il Palazzo del Comune, già Residenza Abbaziale, si erge sul lato est di Piazza Castello e forma un prospetto continuo con la loggetta a due piani e con il portico di accesso al vestibolo della Chiesa di Santa Maria.

Nella frazione di Ramuscello si trova l’antico borgo di “Ramuscello Vecchio”, all’interno del quale c’è la Villa Freschi, già Attimis, bellissimo esempio di villa veneta settecentesca. Un viale di pioppi precede un cancello con lo stemma della famiglia oltre il quale si apre l’ampio cortile con in fondo l’abitazione padronale, una costruzione elegante con stucchi attorno alle finestre, portale bugnato e timpano centrale curvilineo; ai lati si protendono le due barchesse. La villa, di proprietà privata, non è visitabile.

La Fontana di Venchieredo è uno dei più noti luoghi letterari del Friuli, celebrata da Ippolito Nievo e riscoperta da Pierpaolo Pasolini.

La Chiesetta campestre di San Pietro di origine medioevale (datata probabilmente intorno al XI - XIII sec.) è costituita da un’aula rettangolare terminante con una piccola abside semicircolare a catino. L’attuale aspetto dell’edificio è dovuto all’opera di recupero e restauro, terminato nel 1997, che ha ridato dignità a questo caratteristico e antico luogo sacro.

E’, infine, possibile effettuare un itinerario paesaggistico-naturalistico che abbraccia le principali valenze naturalistiche ed artistiche del territorio e che potrà rilevare ad un attento osservatore un paesaggio particolarmente interessante per la varietà della flora e fauna autoctone e per la presenza di numerosi corsi d’acqua e olle di risorgiva, tipicità questa delle aree umide della bassa pianura friulana. Si può effettuare a piedi oppure in bicicletta, attraverso le “stanze” dei prati stabili.

Denominazioni collegate

Prosecco

Prosecco

Regione di riferimento: Friuli Venezia Giulia
Enoregione: CARSO TRIESTINO, COLLI ORIENTALI FRIULANI, GRAVE DEL FRIULI, PIANURA FRIULANA
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Pro Loco Risorgive Medio Friuli di Bertiolo A.P.S., Pro Loco Manzano , Comune di Trivignano Udinese, Comune di Torreano, Comune di Sesto al Reghena, Comune di Sequals , Comune di San Giorgio della Richinvelda, Comune di San Floriano del Collio, Comune di Prepotto, Comune di Premariacco, Comune di Povoletto , Comune di Pocenia , Comune di Palazzolo dello Stella, Comune di Nimis, Comune di Moraro , Comune di Manzano, Comune di Latisana, Comune di Gradisca d'Isonzo, Comune di Gorizia, Comune di Follina, Comune di Duino Aurisina - Devin Nabrežina, Comune di Dolegna del Collio, Comune di Corno di Rosazzo, Comune di Cormons, Comune di Cison di Valmarino, Comune di Casarsa della Delizia, Comune di Capriva del Friuli, Comune di Buttrio, Comune di Bertiolo, Comune di Aquileia, Proloco Buri A.P.S.

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc prosecco

Venezia Giulia

Venezia Giulia

Regione di riferimento: Friuli Venezia Giulia
Enoregione: CARSO TRIESTINO, COLLI ORIENTALI FRIULANI, GRAVE DEL FRIULI, PIANURA FRIULANA
Tipo denominazione : IGT
Enti Collegati
Pro Loco Risorgive Medio Friuli di Bertiolo A.P.S., Pro Loco Manzano , Comune di Trivignano Udinese, Comune di Torreano, Comune di Sesto al Reghena, Comune di Sequals , Comune di San Giovanni al Natisone, Comune di San Giorgio della Richinvelda, Comune di San Floriano del Collio, Comune di Prepotto, Comune di Premariacco, Comune di Povoletto , Comune di Pocenia , Comune di Nimis, Comune di Moraro , Comune di Manzano, Comune di Latisana, Comune di Gradisca d'Isonzo, Comune di Gorizia, Comune di Duino Aurisina - Devin Nabrežina, Comune di Dolegna del Collio, Comune di Corno di Rosazzo, Comune di Cormons, Comune di Cividale del Friuli, Comune di Chiopris Viscone, Comune di Casarsa della Delizia, Comune di Capriva del Friuli, Comune di Camino al Tagliamento, Comune di Buttrio, Comune di Bertiolo, Comune di Aquileia, Proloco Buri A.P.S.

Enti Interessati
mostra/nascondi

Venezia giulia

Delle Venezie

Delle Venezie

Regione di riferimento: Friuli Venezia Giulia
Enoregione: GRAVE DEL FRIULI, PIANURA FRIULANA, COLLI ORIENTALI FRIULANI, CARSO TRIESTINO
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Pro Loco Risorgive Medio Friuli di Bertiolo A.P.S., Pro Loco Manzano , Comune di Trivignano Udinese, Comune di Torreano, Comune di Sesto al Reghena, Comune di Sequals , Comune di San Giovanni al Natisone, Comune di Prepotto, Comune di Premariacco, Comune di Povoletto , Comune di Pocenia , Comune di Palazzolo dello Stella, Comune di Nimis, Comune di Manzano, Comune di Latisana, Comune di Gradisca d'Isonzo, Comune di Gorizia, Comune di Duino Aurisina - Devin Nabrežina, Comune di Dolegna del Collio, Comune di Corno di Rosazzo, Comune di Cormons, Comune di Cividale del Friuli, Comune di Chiopris Viscone, Comune di Casarsa della Delizia, Comune di Capriva del Friuli, Comune di Camino al Tagliamento, Comune di Buttrio, Comune di Bertiolo, Comune di Aquileia, Associazione Pro Casarsa della Delizia, Proloco Buri A.P.S.

Enti Interessati
mostra/nascondi

Mipaaf delle venezie doc

Lison

Lison

Regione di riferimento: Friuli Venezia Giulia
Enoregione: PIANURA FRIULANA
Tipo denominazione : DOCG
Enti Collegati
Comune di Sesto al Reghena

Enti Interessati
mostra/nascondi

Denominazioni_266

Lison-Pramaggiore

Lison-Pramaggiore

Regione di riferimento: Friuli Venezia Giulia
Enoregione: PIANURA FRIULANA
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Pramaggiore, Comune di Latisana, Comune di Annone Veneto, Comune di Sesto al Reghena

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc lison pramaggiore

News

I programmi delle Città del Vino del Friuli Venezia Giulia
ASSEMBLEA CITTÀ DEL VINO FRIULI VENEZIA GIULIA A SESTO AL REGHENA I programmi 2022 delle Città del Vino friulane & ...
continua »
Diamo il benvenuto al Comune di Sesto al Reghena
L'Associazione dà il benvenuto ad una nuova Città del Vino, il Comune di Sesto al Reghena (PN). L'origine di Sesto d ...
continua »