92 Enoregioni per i 30 anni delle Città del Vino: il Lazio

92 Enoregioni per i 30 anni delle Città del Vino: il Lazio

Per testimoniare e valorizzare ancora una volta il binomio “vino-territorio”, in occasione del suo trentesimo compleanno (1987-2017) l'Associazione vuole raccontare le enoregioni italiane che, secondo la classificazione dell'”Atlante dei territori del vino”, compongono le nostre Regioni.**

LAZIO

Enoregioni: Etruria Viterbese 

Enoregioni: Tevere Settentrionale

Enoregioni: Castelli Romani  

Enoregioni: Costa Tirrenica del Basso Lazio

Enoregioni: Terre del Cesanese e Ciociaria  

Enoregioni: Alto Frusinate

 

*  L'adozione della divisione delle venti regioni italiane in 92 “macroaree” - cioè insiemi di terre con elementi (climatici, litologici, morfologici e pedologici) omogenei - è mutuata dall'Atlante dei territori del vino, edito nel 2013 a cura dell'Enoteca Italiana di Siena e dell'Istituto Geografico Militare su invito del Ministero per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali. La classificazione ideata da questo prezioso strumento di lavoro permette, infatti, di leggere la ricchezza del sistema vitivinicolo italiano attraverso l'individuazione degli elementi comuni dei territori, dalle tradizioni produttive alle condizioni ambientali. 

* *  Ci scusiamo per eventuali omissioni o imprecisioni e ringraziamo fin da ora i lettori che vorranno comunicarci suggerimenti e integrazioni. Per semplificare la lettura nell'esposizione dei testi si è scelto di indicare sempre: con iniziale minuscola i nomi dei vitigni (es. chardonnay, montepulciano, ciliegiolo, bombino nero); con iniziale maiuscola i nomi delle denominazioni (es. Montepulciano d'Abruzzo delle Colline - Teramane docg, Friuli Grave Chardonnay doc); con iniziale maiuscola i nomi delle tipologie e varietà disponibili nell'ambito di ciascuna denominazione (es. Valpolicella Superiore doc, Controguerra Rosso doc, Aglianico del Vulture Spumante doc, i rossi della doc Colli del Trasimeno, i bianchi della doc Molise);con iniziale maiuscola i nomi delle menzioni geografiche aggiuntive o sottozone di doc e dop (es. Valle d’Aosta Donnas doc, Chianti Montespertoli docg, olio extravergine di oliva Colline Teatine Vastese dop); in minuscolo le sigle delle certificazioni (docg, doc, igt, dop, igp, stg e de.co.), con l'unica eccezione dei Presidi Slow Food;in minuscolo i nomi dei prodotti agroalimentari certificati (es. pecorino sardo dop, ciauscolo igp...), ad eccezione dei nomi geografici propri (es. pane di Altamura dop).

Ultime news inserite

Colline Novaresi, difesa e tutela fitosanitaria
CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI DIFESA E TUTELA FITOSANITARIA DELLA PRODUZIONE VITICOLA TRA I COMUNI DI: BARENGO, BOCA, BOGOGNO, BR ...
continua »
La qualità nel rispetto della natura e delle antiche tradizioni
Con una passione che risale al 1700, l'Azienda Agricola Vitivinicola Casa Garello produce vini di qualità tipici dell'Oltre ...
continua »
Tutto il Gavi a Milano
Nel suggestivo contesto di Palazzo dei Giureconsulti, i produttori presentano oggi in anteprima i vini della vendemmia 2018 e il C ...
continua »