Rompere le regole per rinnovarsi e vivere meglio

Rompere le regole per rinnovarsi e vivere meglio

Rompere le regole non come atto “antipolitico” di sfiducia verso la democrazia rappresentativa e i suoi valori ma come impegno creativo per affrontare le nuove sfide, per esplorare incroci e ibridazioni culturali, per rallentare (l’inquinamento, l’alienazione, il surriscaldamento) o anche fare di più con meno.

Oggi possiamo applicare il tema della rottura creativa delle regole ai processi di cambiamento e di movimento  che anche città e paesaggi devono mettere in pratica per adattarsi alle mutazioni delle comunità e dei mercati, ai progressi delle conoscenze scientifiche, alla necessità di evolversi attraverso la riqualificazione dei tessuti esistenti, la razionalizzazione delle funzioni, il risparmio energetico e il miglioramento dei servizi collettivi.

Ancv short paper sessione 2 paesaggi beni culturali patrimonio unesco converted

Ultime news inserite

Tra la terra e il mare
E’ una viticoltura eroica quella delle Cantine Marisa Cuomo, che coltiva vigne aggrappate alle rocce di Furore a 500 metri d ...
continua »
Il gusto delle tradizioni e il piacere dell’accoglienza
L’Azienda Riva Granda sorge tra le colline di Col San Martino, in posizione equidistante da Conegliano e Valdobbiadene: 10 e ...
continua »
Alla ricerca del vino dei vini
Bingiateris (in sardo, vignaioli) non è solo il nome di un vino. È anche il nome del sogno che ha spinto sette amici ...
continua »