Comune di Montefalcione

  • Telefono: 0825 973021
  • Fax: 0825 973780
  • Sitoweb: Montefalcione
  • Sede Amministrativa
    Via Cardinale dell'Olio 7 83030 Montefalcione (Avellino)

Origine del nome

Montefalcione negli scritti longobardi era detto Montefalsone Oppidum, al tempo dei Normanni Montefalzone, sotto gli Angioini Montefaucione, poi sotto il dominio dei Puderico e dei Tocco fu chiamato Montefalcione e Monte Falcione. Lo stemma di Montefalcione è rappresentato da un falcione che sovrasta 3 colline probabilmente quella del Castello, San Marco e Santa Marina, che sono i 3 rilievi dell'agro montefalcionese. Il falcione invece è stato scelto come simbolo di lavoro e di civiltà contadina. (fonte: it.wikipedia.org)

Il Territorio

  • Num. Abitanti: 3411
  • Altitudine: 523
  • Superficie: 15.29
  • Santo Patrono: Sant'Antonio di Padova
  • Codice ISTAT: 64053
  • Codice Catastale: F491
  • Prefisso: 825
  • PEC: ufficioanagrafe.montefalcione@cert.irpinianet.eu
  • Zona Sismica: 2
  • Zona Climatica: E
  • Gradi Giorno: 2172
  • Dati forniti da Tuttitalia.it

Amministratore

Nome
Maria Antonietta Belli


Storia

Le origine dell’abitato di Montefalcione risalgono a parecchi secoli prima dell’era volgare, come si riscontra dal rinvenimento di tombe, vasi e iscrizioni romane. Nel medioevo il paese era un colle di S. Maria. Le popolazioni indigene combatterono aspre lotte contro i barbari, immigrati nel periodo dello sgretolamento dell’impero romano d’occidente e contro altre successive orde barbariche che portarono alla distruzioni e all’abbandono dei territori su indicati, perché di più alti e facile accesso al nemico, per cui l’abitato fu ricostruito in luoghi di non agevole accesso. I longobardi, dopo la conquista di Benevento estesero il loro dominio anche nella zona Irpina fino a fondare un ampio ducato. Essi costruirono un castello sulla collina rocciosa più alta e più ripida del paese, offrendo ai Montefalcionesi un sicuro ricovero. Così venne a formarsi il primo nucleo dell’attuale paese che troviamo indicato nel VI secolo con nome di Montefalcione Oppidum (Registri Angioini). Intorno al castello furono edificate la Chiesa dedicata a S. Maria in Cielo, l’Abazia e la Piazza dell’Olmo. Nella pianura per i bisogni del piccolo commercio, sorse un’altro aggregato di case, detto il “Borgo” oppure la “Taverna”.

Qui, nel 1680, venne edificata la Chiesa Madre dedicata a S. Giovanni Battista l’Eremita e, accanto a essa, un ospedale - monastero e più lontano, in aperta campagna, sorgeva il convento dei Benedettini di Montevergine. Durante i secoli tali punti furono a mano a mano congiunti con nuove costruzioni, fino a formare una linea ininterrotta, ora percorsa interamente dalla via rotabile (vecchio centro medievale). Il comune è noto anche per essere stato teatro, nei primi anni dell'unità d'Italia di una rivolta antigovernativa e della susseguente sanguinosa repressione da parte delle truppe del regio esercito italiano sulla parte rivoltosa della popolazione; simili eventi avvennero anche in altri paesi, nei territori annessi al regno d'Italia nell'ambito della lotta contro il brigantaggio postunitario. (fonte: www.comune.montefalcione.av.it)

Feste

Festa Patronale di Sant'Antonio: L'ultima settimana d'agosto è ricca di avvenimenti. Dal giovedì fino al lunedì successivo si svolgono i solenni festeggiamenti in onore di sant'Antonio di Padova, patrono del paese, e di santa Lucia vergine e martire. Il sabato vi è sempre un concerto con la presenza di cantanti rinomati. La domenica, dopo le messe della mattina e del pomeriggio, c'è la suggestiva processione del santo per le vie del paese, con al seguito le autorità cilvili e religiose, al termine della quale avviene "l'incendio del campanile". Il giorno dopo è la volta della processione della santa, e a partire dalla mezzanotte, la gara pirotecnica più importante della Campania, che illumina la notte estiva montefalcionese e, al termine, la premiazione nella piazza principale. Il tutto si conclude non prima dell'alba del giorno dopo. Caratteristica di ogni processione.che si svolge nel paese (esclusa quella del venerdì santo) è la cosiddetta "asta dei santi"che si tiene, al momento dell'uscita del simulacro, tra quelle persone che desiderano portare a spalla il santo. Colui che offre di più la porta per tutto il tratto processionale e i soldi andranno al comitato festa che li investirà per la festività dell'anno successivo. Questa festa vede la partecipazione, oltre che del popolo, anche di molti turisti ed emigranti all'estero.

Festa di San Feliciano: Gli ultimi tre giorni di maggio si svolgono i festeggiamenti in onore di san Feliciano martire, santo a cui i montefalcionesi sono molto legati per la presenza delle reliquie nella chiesa di Nostra Signora del Sacro Cuore, annessa all'ex-monastero dei Benedettini di Montevergine, oggi sede del comune. (fonte: it.wikipedia.org)

Informazioni Turistiche

La Chiesa Parrocchiale danneggiata dal terremoto del 1980 è stata completamente restaurata, con un notevole soffitto a cassettoni ricco di decorazioni. Sopra la porta d'ingresso un pregevole organo costruito nel 1864 dai fratelli Carlo e Pasquale Jantosca di Candida, nel 2015 è tornato dopo cinque anni di esilio dovuto all'accurato restauro eseguito dall'Arte Organaria del maestro Alessandro Girotto di Postioma, che conservando tutto il materiale superstite ha completato e rimesso in funzione: organo a trasmissione meccanica, 2 tastiere di 61 note e pedaliera di 27, con 30 registri.

Denominazioni collegate

Fiano di Avellino

Fiano di Avellino

Regione di riferimento: Campania
Enoregione: IRPINIA
Tipo denominazione : DOCG
Enti Collegati
Comune di Montefredane, Comune di Montefalcione, Comune di Lapio, Comune di Avellino, Comune di Pratola Serra

Enti Interessati
mostra/nascondi

Docg fiano di avellino

Campania

Campania

Regione di riferimento: Campania
Enoregione: AREA VESUVIANA, CAMPI FLEGREI E ISCHIA, AVERSANO, CILENTO, IRPINIA,COSTIERA AMALFITANA, AREA SORRENTINA E CAPRI, LITORALE DOMIZIO E ALTRO CASERTANO, SANNIO
Tipo denominazione : IGT
Enti Collegati
Pro Loco PLANCA, Comune di Vitulano, Comune di Venticano, Comune di Tufo, Comune di Tramonti, Comune di Torrecuso, Comune di Terzigno, Comune di Telese Terme, Comune di Taurasi, Comune di Solopaca, Comune di Sant'Agata De' Goti, Comune di San Lorenzo Maggiore, Comune di Ravello, Comune di Pratola Serra, Comune di Pontelatone, Comune di Ponte, Comune di Petruro Irpino, Comune di Paupisi, Provincia di Benevento, Comune di Montesarchio, Comune di Montefredane, Comune di Montefalcione, Comune di Mondragone, Comune di Melizzano, Comune di Maiori, Comune di Lapio, Comune di Guardia Sanframondi, Comune di Furore, Comune di Frasso Telesino, Comune di Foglianise, Comune di Dugenta , Comune di Chianche, Comune di Cerreto Sannita , Comune di Centola, Comune di Castelvenere, Comune di Campoli del Monte Taburno, Comune di Bonea, Comune di Benevento, Comune di Avellino, Comune di Amorosi

Enti Interessati
mostra/nascondi

Campani

Irpinia

Irpinia

Regione di riferimento: Campania
Enoregione: IRPINIA
Tipo denominazione : DOC
Enti Collegati
Comune di Venticano, Comune di Tufo, Comune di Taurasi, Comune di Pratola Serra, Comune di Montefredane, Comune di Montefalcione, Comune di Lapio, Pro Loco PLANCA, Comune di Chianche, Comune di Avellino

Enti Interessati
mostra/nascondi

Doc irpinia

Taurasi

Taurasi

Regione di riferimento: Campania
Enoregione: IRPINIA
Tipo denominazione : DOCG
Enti Collegati
Comune di Taurasi, Comune di Venticano, Comune di Montefalcione, Comune di Lapio

Enti Interessati
mostra/nascondi

Docg taurasi

News

Città del Vino al Vinitaly 2019
PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ DELL'ASSOCIAZIONE NAZIONALE CITTÀ DEL VINO Padiglione 8 – Stand G7   Domenica ...
continua »
La Guardiense e Cotarella: un sodalizio vincente
Ancora un riconoscimento per Riccardo Cotarella, enologo di fama mondialee consulente de La Guardiense. Questa volta è l&rs ...
continua »
Un'azienda giovane che ritorna alle origini
Viaboschi è una giovane azienda agricola nata dalla volontà di un ritorno alle origini dei fondatori. La cultura del ...
continua »